ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto storia

LA RIVOLUZIONE IN FRANCIA

LA RIVOLUZIONE IN FRANCIA
Scrivere la parola
Seleziona una categoria

LA RIVOLUZIONE IN FRANCIA

Crisi monarchia liberale di Luigi d’Orleans .L’opposizione era composta dai progressisti liberali, democratici, dai bonaparisti e dai socialisti. Obiettivo dei democratici era raggiungere il suffragio universale, ossia la concessione del diritto di voto a tutti i cittadini maschi senza distinzioni. Lo strumento di protesta dei democratici fu la CAMPAGNA DEI BANCHETTI: riunioni svolte in forma privata che aggiravano i divieti governativi e consentivano ai capi dell’opposizione e ai loro seguaci di tenersi in contatto e di far proanda per la riforma elettorale.

La proibizione di un banchetto previsto per il 22 febbraio a Parigi, innescò la crisi rivoluzionaria.  Lavoratori e studenti organizzarono una grande manifestazione di protesta, per impedirla il governo ricorse alla Guardia nazionale istituita nel 1789. Il 24 febbraio venne costituito un governo favorevole alla Repubblica e si convocò un’assemblea costituente da eleggere a suffragio universale. Il governo affermò il diritto al lavoro fondato sul pieno impiego. Furono istituiti degli ateliers nationaux (officine).

Elezioni di aprile: vincitori i repubblicani moderati. Chiusura degli ateliers nationaux.

Insurrezione operaia di giugno: Molti popolani scesero in piazza così che l’assemblea costituente concesse pieni poteri a Cavaignac, ministro della guerra. A novembre l’assemblea costituente approvò una costituzione democratica che prevedeva un presidente della repubblica eletto dal popolo (durata 4 anni) e una assemblea legislativa eletta a suffragio universale.

Elezioni presidenziali: i repubblicani si presentarono divisi, mentre i conservatori fecero blocco sulla candidatura su Luigi Napoleone Bonaparte.







Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta