ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto storia

LE ERE GEOLOGICHE

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

LE ERE GEOLOGICHE






OLOCENE

NEZOSOICO

PLEISTOCENE




PLIOCENE


MIOCENE


OLIGOCENE


EOCENE

CENOZOICO

PALEOCENE




CRETACICO


GIURASSICO

MESOZOICO

TRIASSICO




PERMIANO


CARBONIFERO


DEVONIANO


SILURIANO


ORDOVOCIANO

PALEOZOICO

CAMBRIANO




PROTEROZOICO

PRECAMBRIANO

ARCHEANO



PRECAMBRIANO

rappresenta l’85% di tutta la storia della Terra, ed è la parte meno conosciuta.

Esisteva già un qualche tipo di crosta.

Il pianeta, dopo la fase primordiale di aggregazione, ha subito una profonda evoluzione: l’aggregato di polveri, gas e ghiacci si trasformano in una massa fusa, entro la quale gli elementi più pesanti, soprattutto ferro e nichel, sprofondano verso il centro del pianeta, dando, origine al nucleo, mentre gli elementi più leggeri si concentrano verso l’esterno, formando involucri via via meno densi, destinati, con il raffreddamento e la solidificazione, a dare origine al mantello e a una crosta primitiva.

avviene un diffuso degassamento, i cui prodotti sostituiscono atmosfera e le sue caratteristiche fisico chimiche" class="text">l’atmosfera primordiale di ammoniaca, metano, idrogeno ed elio, con una nuova atmosfera composta da azoto, vapore acqueo, metano, ammoniaca, idrogeno e anidride carbonica. Manca l’ossigeno, che si accumulerà solo con la sa del processo di fotosintesi.

Dovrebbe essersi ormai formata una crosta primitiva, ancora rovente ma solida. Con l’ulteriore raffreddamento della crosta si possono raccogliere nelle aree più depresse le acque derivate dalla condensazione del vapore atmosferico, con la formazione dei primi mari. Formazione di una crosta solida e sa di terre emerse separate dagli oceani. Comparsa della vita e successivo sviluppo della biosfera. Le più antiche tracce di organismi viventi risalgono a 3500 milioni di anni fa. Si pensa che la sa di organismi viventi sia stata preceduta dalla formazione di un ambiente chimico in cui i processi non biologici avrebbero dato origine a soluzioni di sostanze organiche. Un ambiente adatto all’innescarsi di questa evoluzione chimica potrebbe essere stato quello dei primi mari. La possibilità teorica è stata verificata in laboratorio nel 1953 dal noto esperimento di Miller-Urey.


Le più antiche tappe dell’evoluzione della vita finora documentate.


Età

Località del ritrovamento

Resti fossili

700 milioni di anni fa circa

Ediàcara (Australia)

Organismi multicellulari (metazoi):

meduse, anellidi, brachiopodi, molluschi

1 miliardo di anni fa

Bitter Springs (Australia)

Organismi eucarioti:

alghe azzurre, alghe verdi, funghi?

2 miliardi di anni fa

Gunflint (Canada)

Organismi autotrofi (fotosintesi):

alghe verde-azzurre filamentose

3 miliardi di anni fa

Tree (Sud Africa)

Organismi procarioti, eterotrofi:

batteri, probabili alghe azzurre unicellulari





PALEOZOICO

l’emisfero meridionale è dominato da un grande continente chiamato Gondwana che comprende: Sudamerica, Africa, Australia, Antartide e India. Altri tre continenti: nordamericano, europeo e asiatico e vari frammenti minori, sono distribuiti più a nord, all’altezza dell’equatore. La tettonica delle placche porta alla collisione, a più riprese, i vari blocchi continentali. Il blocco continentale nordamericano si avvicina al blocco europeo, l’oceano interposto si va chiudendo. Collisione tra i 2 continenti europeo e nordamericano (orogenesi caledonica), che si saldano in un unico continente: Laurussia, mentre il continente asiatico è separato da un oceano. Il continente Gondwana continua la sua lenta deriva verso nord. Resti dell’orogenesi caledonica sono presenti nei Monti Appalachi settentrionali, in Groenlandia, Scozia, Norvegia. Compaiono numerosi gruppi di invertebrati marini, tra cui dominano i trilobiti. Compaiono i graptoliti e numerosi altri invertebrati. Nell’Ordoviciano compaiono i primi vertebrati. Nel Siluriano alcune fasce di terre emerse, paludose e costiere, vengono conquistate dalle prime piccole piante. Compare sulla terraferma il primo invertebrato che sia riuscito a lasciare l’acqua.

Evoluzione della superficie terrestre. I continenti si riuniscono fino alla formazione di un’unica estesa massa di crosta continentale. Il mare si ritira dall’antica Europa, che viene sollevata dall’orogenesi ercinica: il Gondwana entra in collisione con il bordo meridionale del Laurussia e i due continenti si saldano con il sollevamento delle catene erciniche. L’Europa centrale stava sull’Equatore. Il Sudafrica era coperto da una calotta di ghiaccio. Il continente asiatico si salda al Laurussia, con la formazione dei Monti Urali. Le terre emerse formano un gigantesco unico continente: Pàngea, circondato da un vasto Oceano: Pantalàssa. Grande diversificazione degli organismi. Le piante si diffondono ampiamente verso l’interno dei continenti. L’atmosfera si va sempre più arricchendo di ossigeno. Diffusione delle piante vascolari e delle gimnosperme, tra cui le conifere. Gli invertebrati continuano a diffondersi nei più diversi ambienti. I pesci diventano protagonisti (pesci cartilaginei e pesci ossei) e iniziano ad adattarsi alla vita sulle terre emerse. Compaiono gli anfibi. Compaiono i primi rettili. Crisi biologica. Notevoli cambiamenti climatici. Il 75% delle famiglie di anfibi si estingue.




MESOZOICO

Frammentazione del supercontinente Pàngea, che si suddivide in blocchi in reciproco allontanamento. Il Nordamerica si stacca dall’Africa, mentre una lunga frattura a Y il continente Gondwana si divide in 3 blocchi, dei quali la futura India si allontana verso Nord. Le forme di vita iniziano a diversificarsi e a occupare le nicchie ecologiche rimaste vuote. Si diffondono le gimnosperme, tra cui le conifere. Compaiono le angiosperme. Nei mari compaiono nuovi coralli (esacoralli). È l’era dei rettili, che dominano il pianeta. Il loro vantaggio è nella riproduzione. Da qualche gruppo di rettili nascono i primi uccelli. Comparsa dei mammiferi. Se il predominio dei rettili. Crisi biologica.


CENOZOICO

Si sollevano tutte le grandi catene montuose attuali. L’India entra in collisione con l’Eurasia. Prende origine la catena himalayana. Si sta formando il Mediterraneo. Si sollevano le Montagne Rocciose e la cordigliera andina occidentale. Dall’Africa si stacca la Penisola Arabica dando origine al Mar Rosso. Il clima cambia gradualmente. Gli invertebrati marini assumono aspetti moderni, con famiglie di molluschi, echinodermi, briozoi, ecc. i veri protagonisti del rinnovamento biologico sono i mammiferi che, occupando rapidamente tutte le nicchie ecologiche rimaste libere, si diffondono rapidamente e diventano i dominatori del globo. Compaiono e si sviluppano rapidamente i primati, fra cui l’uomo.


NEOZOICO

Sviluppo di una nuova era glaciale.

DONAU

GÜNZ

MINDEL

RISS

WÜRM






Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta