ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto storia

La Rivoluzione Francese

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

La Rivoluzione Francese




Nella seconda metà del 1700, sotto il regno di Luigi 16°

il popolo era diviso in  tre classi sociali o 'stati'

- nobiltà

-clero

-popolo che comprendeva la borghesia,( banchieri,com

mercianti,professionisti).

La nobiltà e il clero non avano le tasse erano i proprietari terrieri e vivevano sfruttando il lavoro dei contadini.


Il popolo era sfruttato ed escluso dal governo.

Le guerre continue contro altre potenze e il mantenimento della corte aveva impoverito le casse dello Stato che a sua volta imponrva nuove tasse per il popolo.

Per risolvere i problemi i rappresentanti delle tre classi sociali parteciparono a una assemblea :STATI GENERALI.

I rappresentanti del popolo portarono al re dei quaderni di lamentele e si rivolgevano al governo precise richieste per migliorare la vita dei poveri.

Volevano inoltre che la votazione sulle decisioni da prendere avvenisse 'per persona' e non 'per stato'.

Non riuscirono ad ottenere le loro richieste perciò i

rappresentanti del terzo stato si riunirono da soli e proclamarono l'ASSEMBLEA NAZIONALE COSTITUENTE, per dare al paese un insieme di leggi che stabilissero i diritti e i doveri dei cittadini e del re.

Il re però non era d'accordo e decise di sciogliere l'

assemblea Nazionale  e fece circondare Parigi dall'esercito.

Il 14 luglio 1789 il popolo insorse ed assalì con le armi

la BASTIGLIA, una prigione per i politici che non condi

videvano le idee del re,ma era soprattutto il simbolo del potere assoluto del re.

La gurra si estese a tutta  la Francia.

Il re obbligato dal terzo stato,che voleva la costituzione,ordinò al cleo e ai nobili di unirsi al terzo stato nell'Assemblea Nazionale Costituente.

Ci fu così la Dichiarazione dei Diritti dell'uomo e del cittadino.

Fu un documento molto importante dove vennero solennemente proclamati i principi di:

-LIBERTA'

-FRATERNITA'

-UGUAGLIANZA

principi che rappresentano la base delle moderne costituzioni.

L'Assemblea elaborò la COSTITUZIONE che voleva un popolo sovrano con una monarchia costituzionale.

Il potere esecutivo doveva essere affidato al re.

Il potere legislativo all'Assemblea Nazionale.

Il potere giudiziario ai magistrati eletti dal popolo.

I nobili si spaventarono del potere assunto dal popolo e

cominciarono a fuggire dalla Francia,anche il re cercò di scappare,ma venne ricondotto a Parigi,dove cercò l'appoggio di altri sovrani d'Europa,che inviarodo truppe di soldati ai confini francesi.

I rivoluzionari si videro  traditi dal re e condannarono a morte il re e sua moglie.

Nacque così la repubblica.















Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta