ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto storia

UNA NUOVA FIGURA PROLETARIA IL 'CRIMINALE POLITICO' OVVERO IL GUERRIGLIERO URBANO

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

UNA NUOVA URA PROLETARIA IL 'CRIMINALE POLITICO' OVVERO IL GUERRIGLIERO URBANO


La dichiarata contraddittorietà del concetto di reato politico non porta, come potrebbe sembrare a prima vista, alla sua rimozione: l'obbiettivo della borghesia imperialista non è infatti quello di degradare i militanti rivoluzionari, criminalizzando le loro azioni al basso rango di 'criminali comuni'. ½ è sì la volontà di 'andare fino in fondo all'opera di criminalizzazione della lotta politica, definendo criminali non solo i rivoluzionari, i comni che lottano con o senza armi alla mano contro il capitale multinazionale, ma tutti coloro che escono dalla sempre più rigida norma giuridica e di comportamento fissata dalla borghesia'; ma l'operazione è assai più complessa e perfida ed è tutt'ora solo confusamente delineata. Infatti se è vero che i militanti rivoluzionari, in quanto interpreti di azioni classificate 'criminali', vengono puniti per questi 'crimini' è anche più vero che, avendo essi la pretesa di considerarsi in guerra contro lo Stato, totalizzano una pena speciale, un trattamento speciale; criminali sì, ma criminali speciali!
Criminale speciale è sinonimo di 'criminale assoluto' o anche 'anarco-nichilista', 'terrorista'. Ma se questi sono i termini preferiti dagli specialisti della guerra psicologica, la ura politica che essi connotano per gli apparati di repressione è molto meno indeterminata: si tratta del nemico interno.
Negato a parole lo 'status' politico del nemico interno viene perfettamente riconosciuto nella sostanza del trattamento differenziato. Anzi, prima di tutto per 'ciò che è' e solo in seconda istanza 'per ciò che ha fatto'.
La domanda centrale della borghesia imperialista non è più 'che cosa hai fatto', ma diventa 'chi sei'? E' la tua identità che interessa più di ogni altra cosa perché è questa che deve essere annientata. Il trattamento differenziato in tutte le sue fasi (lotta, processo, prigione) è orientato proprio a questo scopo! liquidare la tua identità.
Identità politica per il militante rivoluzionario significa prima di tutto: partito. E' nei principi, nella strategia, nel programma, nella disciplina del Partito che egli autonomamente e liberamente si riconosce.
Ed è affermando nella pratica della guerra di classe questo patrimonio proletario che egli viene riconosciuto dal popolo, perché il Partito rivoluzionario è l'espressione più alta della maturità, della coscienza, dell'organizzazione della classe. Nell'azione collettiva di Partito il combattente comunista afferma la sua identità; nella negazione di questa dimensione, attraverso la divisione, l'isolamento sociale, l'isolamento di gruppo ed infine l'annientamento fisico, il porco imperialista cerca di distruggerla.
I tecnici della guerra controrivoluzionaria riducono l'azione collettiva ad una somma di comportamenti individuali, li separano dalle loro motivazioni e tra di loro; così facendo tentano di togliere loro la capacità di rappresentare un messaggio. Quindi criminalizzano, li psichiatrizzano e li colpiscono per distruggerli. I tecnici della guerra controrivoluzionaria negando il diritto all'esistenza, all'antagonismo proletario organizzato, trasurano i militanti in singole unità criminali, senza storia né spessore politico.
Più che di criminalizzazione bisogna parlare dunque di genocidio politico, perché questa è l'essenza più profonda della controrivoluzione imperialista.
Ma questo attacco al singolo militante, individualizzato e separato, non può riuscire a cogliere, se non da un punto di vista tattico, una vera vittoria sul Partito come coscienza collettiva, di classe. Paradossalmente infatti, a mano a mano che la controrivoluzione imperialista vomita la sua violenza, matura la forza rivoluzionaria e sfuggendogli la dimensione di Partito che marca l'azione di ogni militante, pur riuscendo a distruggere singoli militanti, non riuscirà mai a distruggere strategicamente il partito.
Al punto della sua massima forza controrivoluzionaria l'imperialismo svela la propria miseria e la propria debolezza!









Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta