ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto tecnica

Appunti di informatica 2 (C++) - UNA FUNZIONE PER L'OUTPUT - SCANF UNA FUNZIONE PER L'INPUT



Scrivere la parola
Seleziona una categoria

Appunti di informatica 2 (C++)


STRUTTURA DEL PROGRAMMA:

La parte principale di un programma comincia con la parola chiave MAIN.

MAIN()



DICHIARAZIONE DELLE VARIABILI :

TIPO nome_variabile ;

dove i tipi principali sono:


CHAR



Per una variabile che deve contenere un carattere

INT

Per un numero intero


FLOAT

Per un numero con la virgola



Alcuni esempi possono essere:

CHAR fineparola;

INT annonascita,annimiei_nel_1990;

FLOAT raggiocerchio,circonferenza;


ASSEGNAZIONE DI UN VALORE AD UNA VARIABILE:

nome_variabile=contenuto ;


Ad esempio :

annimiei_nel_1990=12;

raggiocerchio=2;


char finefrase='.'; NOTA : per fare gli apici ALT +39

char fineparola=' '


PER FARE ESPRESSIONI :

circonferenza=raggiocerchio*6.28;

areatriangolo=base*altezza/2; NOTA : esistono solo le parentesi tonde


STRINGHE:

CHAR[N_char] dove all'interno della quadra c' il num. Max di caratteri ammissibili


'LIBRERIE ' E ISTRUZIONI DI INGRESSO USCITA


#INCLUDE <STDIO.H>


PRINTF: UNA FUNZIONE PER L'OUTPUT

PRINTF('messaggio da far ire sul videon');

Dove il carattere finale n provoca il ritorno del carrello alla fine del messaggio.

Per mostrare il contenuto di una variabile sullo schermo si usa dei codici preceduti dal carattere %.

Ad esempio :

PRINTF('Il contenuto della variabile annonascita vale %d , annonascita);

Il codice %D indica la posizione all'interno del messaggio dove verr inserito il contenuto della variabile di tipo intero,annonascita .


%C

VARIABILE CARATTERE

%S

STRINGA

%D

INTERO

%F

FLOAT


Ad esempio ('mia sorella si chiama %s ed ha %d annin'nomesorella,anni);


SCANF UNA FUNZIONE PER L'INPUT:

Per introdurre da tastiera il valore da assegnare ad una variabilesi usano le istruzioni:

SCANF('%s',nomestringa);

SCANF('%c',&nomecarattere);

SCANF('%d',&nomeintero);

SCANF('%f',&nomefloat); NOTA: & l'operatore di indirizzamento che permette di trovare l'indirizzo di una variabile.


LE COSTANTI E I TIPI DI DATI ,L'ISTRUZIONE GETCHARE PUTCHAR:


LE COSTANTI:


CONSTdichiarazione della variabile=valore costante;

Ad esempio :

const int numero_elementi = 30;

const chat messaggio_errore[] = 'attenzione: ';


LA DIRETTIVA #DEFINE:


#DEFINE nome testo_sostitutoCHa

Ad esempio :

#define false 0

#define true 1

#define disastro 'attenzione: errore di sistema!'


I TIPI E LE DIMENSIONI DEI DATI :


CHAR per una variabile che deve contenere un carattere (1 byte di memoria)


DOUBLE per un numero a virgola mobile in doppia precisione


FLOAT per un numero a virgola mobile in singola precisione


INT per un numero intero




Per esempio:

const float pi_greca=3.14;

const double N_avogadro= 1.02252e23;


Le costanti carattere sono indicate tra apici come:

const char acca='h';

const char capodanno[] = '1 gennaio';


LA FUNZIONE GETHAR() E LA FUNZIONE PUTCHAR():


Per acquisire un carattere dal periferico di input ,che di norma la tastiera , si usa:

C=GETHAR() NOTA : per usare queste ci deve essere #include<stdio.h>

PUTCHAR(C)


I COMMENTI:

Per disporre di un commento sufficiente includere la sequenza testuale tra i seguenti caratteri: /* . . . . . . . */


LA DIFFERENZA TRA 'C' E 'C':

Quella con gli apici rappresenta il codice aschi del carattere c ,ossia il nome della variabile carattere. Invece tra virgolette una stringa costituita da un solo carattere .


COSTRUTTO IF . . , IF . .ELSE . .. , WHILE E GOTO:

Se si vuole eseguire far eseguire una istruzione, ma solamente se una condizione si verificata, si usa:


IF(condizione) istruzione;


Ad esempio:

if (nli<max) printf('okn');


Se si vuole far eseguire una istruzione alternativa , cio quando la condizione non verificata, si usa :

IF(condizione) istruzione; ELSE istruzione_alternativa ;


Ad esempio:

if (nli<max) printf('okn');

ELSE PRINTF('troppi lin') ;


CONDIZIONI:

Per esprimere una condizione , sono validi anche gli operatori di confronto tra operandi <, <= > e >= e<>.

L'operatore == serve per stabilire l'uguaglianza di una variabile in una condizione , mentre il semplice = l'operatore di assegnazionedi un valore ad una variabile.


Nli=3

IF (nli==3) printf('nli vale 3');


L'operatore ! l'operatore di negazione ,che serve per invertire il valore di vero a falsoe viceversa.

Gli operatori && e || sono rispettivamente gli operatori logici di congiunzione e disgiunzione tra due condizioni.


ISTRUZIONI COMPOSTE :


istruzione 1;

if (condizione)


istruzione3;

Ad esempio:

IF (nli<max)

else printf('troppi li/n') ;


WHILE:

Se si vuole far eseguire una o pi istruzioni, finch una condizione risulta verificata , si usa:


istruzione 1 precedente;

while(condizione)

istruzione anche composta da eseguire finch la condizione vera;

istruzione 3 successiva da eseguirsi se la condizione risulta falsa;


Ad esempio:

WHILE (nli<maxn') ;


printf('nli non pi < maxn ');


OSSERVAZIONE:

L'istruzione nli++ incremente il valore di nli di una unit.


ARRAY,STRINGHE E COSTRUTTO FOR:


ARRAY:

Se si vuole disporre di una serie di variabili di uno stesso tipo , ordinate, si usano i vettori o array.



Un array viene dichiatato come :


TIPO nomearray[n_variabili ];


Per esempio:

int annilio[5];

un array di 5 interi.

La prima variabile ha indice 0 ed del 1 lio e l'indice 4 dell'ultimo lio.


Per esempio :

char nome[10];

E' un array di 10 caratteri e la stringa nome.


FOR:

Per ripetere una sequenza di istruzioni un numero di volte, si usa una generalizzazione del while:

FOR (espressione iniziale; condizione; operazione da eseguire ogni volta)

Istruzione da ripetere ;


espressione iniziale;

while (condizione)


FOR (i=0;i<n;i++)

Nomearray[i]= . oppure una istruzione composta che operi su nomearray [i].


OPERATORI LOGICI E RELAZIONALI


Per esprimere min<x<=max si usa : (x>min && x<=max)

Per esprimere x<-9 oppure x>9 si usa (x<-9|| x>9)


GLI NOPERATORI D'INCREMENTO E DECREMENTO:


Gli operatori ++ e - - servono a incrementare e decrementare di una unit una variabile.


TABELLA DELLE PRECEDENZE (IN ORDINE DECRESCENTE):


OPERATORI

SIGNIFICATO OPERATORI

ORD. DI VALUTAZIONE OPERANDI

[] -> .

FUNZ. ARRAY PTR-MEMBR. NOME-MEMBR.

DA SINISTRA A DESTRA

~ ++ - -

+ - * &

(TYPE) SIZEOF

NOT COMPL-2 INCR. DECR. SOMM.UNIT PTR.INDIR. CAST-TIPO DIMENS.

DA SINISTRA A DESTRA

/ %

MOLT. DIV. INTERA MODULO

DA SINISTRA A DESTRA

+ -

SOMMA SOTTRAZIONE

DA SINISTRA A DESTRA

<< >>

SHIFT A SIN E SHIFT A DEST

DA SINISTRA A DESTRA

< <= > >=

OPERAZIONI RELAZIONALI

DA SINISTRA A DESTRA

!=

UGUAGLIANZA DIVERSITA'

DA SINISTRA A DESTRA

&

AND BIT A BIT

DA SINISTRA A DESTRA


XOR BIT A BIT

DA SINISTRA A DESTRA


OR BIT A BIT

DA SINISTRA A DESTRA

&&

AND LOGICO

DA SINISTRA A DESTRA


OR LOGICO

DA SINISTRA A DESTRA


ESPRESSIONE CONDIZIONALE

DA SINISTRA A DESTRA

+= -= *= /*

%= &= ^= <<= >>=

OPERATORI DI ASSEGNAZIONE

DA SINISTRA A DESTRA

,

ARGOMENTO IN LISTA

DA SINISTRA A DESTRA


VARIABILI COMUNI ALLE FUNZIONI DI UN FILE :

Ad esempio :

INT funzione1(int parametro1)


INT numeri comune;

INT funzione2(int parametro2)


















Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta