ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto elettronica

PARAMETRI CARATTERISTICI DEI TRASDUTTORI IN GENERALE - TRASDUTTORI PER GRANDEZZE TERMICHE

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

PARAMETRI CARATTERISTICI DEI TRASDUTTORI IN GENERALE

Il trasduttore costituisce il primo elemento di una catena di acquisizione; esso ha il compito di fornire, alla sua uscita, una grandezza elettrica (tensione, corrente, variazione di resistenza o di capacità, ecc.) la cui entità è funzione della grandezza fisica d'ingresso che è oggetto delle elaborazioni della catena di controllo.

Ogni trasduttore può essere distinto da un altro per la variazione di un parametro caratteristico. Si possono elencare una serie di caratteristiche che possono interessare un trasduttore:

  • Range;
  • Sensibilità;
  • Errore di non linearità;
  • Tempo di risposta;
  • Offset di uscita;
  • Ripetitività;
  • Risoluzione;



Range

E’ l’intervallo di valori in cui il trasduttore lavora secondo i parametri stabiliti. Appena esce dal range il trasduttore non funziona più, e ritorna a lavorare appena rientra nell’intervallo.

Il range di ingresso (o campo di ingresso) definisce i limiti entro cui può variare l'ingresso; mentre il range di uscita (o campo di uscita) definisce i limiti entro cui può variare l'uscita.

Sensibilità

La sensibilità S del trasduttore è il rapporto fra la variazione della grandezza d'uscita e quella dell'ingresso.

Lo strumento risulterà essere molto sensibile quando a parità di grandezza di ingresso la grandezza di uscita è molto elevata.

Errore di non linearità

Di solito, l'errore che il costruttore fornisce è l'errore di non linearità ed è espresso come spostamento massimo della retta ideale.

Errore linearità %= (emax /XoFS) ·100

XoFS = Valore max d'uscita di Fondo Scala

La correzione dell'errore di non linearità non è possibile, ma per cercare di utilizzare il trasduttore in maniera ideale si potrebbe utilizzare una EPROM che associ al valore reale quello ideale.

-Tempo di risposta

Rappresenta il tempo che intercorre dal momento che l’ingresso assume un certo valore a quello in cui questo è presente in uscita.

-Offset di uscita

L’offset indica la bontà del trasduttore che risulterà essere migliore quanto minore sarà il valore assunto da tale parametro. Esso viene verificato azzerando gli ingressi e visualizzando il valore presente i uscita.

-Ripetitività

Un atro parametro importante, anche se la sua definizione precisa varia da costruttore a costruttore, è la ripetibilità, vale a dire la costanza nel tempo delle caratteristiche del trasduttore (la sua resistenza all'invecchiamento).

-Risoluzione

La risoluzione R esprime la variazione minima di uscita rispetto al fondoscala:

R = DXoutmin / DXoutfondoscala

TRASDUTTORI PER GRANDEZZE TERMICHE

Trasduzione di temperatura

La temperatura di un corpo o di una sostanza è il suo potenziale  di trasmissione di calore, la misura del valore medio dell’energia cinetica delle sue molecole, e il suo stato termico con riferimento alla sua capacità di trasferire calore ad altri corpi o sostanze. Il calore è energia in trasferimento, per effetto di differenza di temperatura, tra un sistema e l’ambiente o tra due sistemi, sostanze o corpi. L’energia termica si trasferisce secondo uno o più dei seguenti meccanismi di trasmissione del calore: conduzione, mediante diffusione in solidi, liquidi o gas non in movimento; conone, mediante movimento di liquidi o gas tra due punti; radiazione mediante la proazione di onde elettromagnetiche.



Generalmente gli elementi sensori dei trasduttori di temperatura fungono anche da elementi di trasduzione. I due sensori-trasduttori più comunemente usati sono gli elementi termoelettrici (termocoppie) e gli elementi resistivi (termometri a resistenza). Dei rimanenti elementi sensori-trasduttori, l’unico che è stato accettato dal mercato è l’elemento a cristallo oscillante, costituito essenzialmente da un cristallo di quarzo (collegato in  un oscillatore) che presenta un coefficiente di temperatura della frequenza elevato e molto lineare.

Termocoppie

Una termocoppia è un circuito elettrico costituito da una coppia di fili di metalli diversi collegati assieme ad un estremo (giunzione di misura) e collegati all’altro estremo in modo tale che i terminali (giunzione di riferimento) siano entrambi ad una stessa temperatura nota (temperatura di riferimento). Il circuito della termocoppia viene completato da fili che collegano la giunzione di riferimento ad una resistenza di carico (uno strumento indicatore o l’impedenza d’ingresso di un circuito di amplificazione e  lettura). Entrambi i fili di collegamento possono essere di rame o di altro metallo che non sia uno dei due costituenti la giunzione di misura. In conseguenza dell’effetto termoelettrico (effetto Seebeck), si determina un flusso di corrente nel circuito ogni volta che le giunzioni di misura e di riferimento si trovano a temperature diverse. In pratica la giunzione di riferimento viene mantenuta ad una temperatura di riferimento (ad esempio a 0°) oppure viene introdotta una compensazione elettrica per scostamenti della sua temperatura da un valore prefissato.

La forza elettromotrice (fem termoelettrica) che provoca il flusso di corrente nel circuito varia di intensità, a pari salto di temperatura, a seconda dei metalli costituenti le giunzioni. I fili metallici più comunemente usati sono Chromel (CR) e (AL) Costantana (CN, una lega costituita da 53% di rame e 45% di nichel), rame (Cu), ferro (Fe), platino (Pt), una lega di platino e rodio (Rh) (al 10 o 13%), tungsteno (W), tungsteno-renio (Rn) in lega (valori tipici 5 o 26% di renio), nichel (Ni), e leghe di ferro e nichel.

La specifica ANSI Standard C96.1 specifica le caratteristiche di certe combinazioni di materiali, come la fem termoelettrica in funzione della temperatura, i gradi di precisione, i codici di colore degli isolanti, in modo da consentire l’impiego di materiali con diverse denominazioni commerciali purché vengano mantenute le caratteristiche di uno specifico tipo di termocoppia.

I nomi dei materiali dei fili che, in combinazione tra di loro, costituiscono delle termocoppie che elenchiamo qui di seguito sono solamente un esempio. Materiali tipici di una termocoppia di tipo K sono Cromel Alumel. La specifica ANSI  suggerisce l’uso di lettere, per identificare le termocoppie, in luogo del nome dei due materiali usati.

Le termopile sono costituite  da più giunzioni di misura, ottenute dalla medesima coppia di materiali, montate in stretta vicinanza tra di loro e collegate in serie in modo da sommare le uscite delle singole giunzioni. Anche le giunzioni di riferimento sono generalmente vicine tra di loro in modo da assicurare che tutte siano alla stessa temperatura di riferimento.

Elementi sensori della temperatura di tipo resistivo

Sono di tipo conduttivo o a semiconduttore. Gli elementi conduttivi sono generalmente a filo, oppure costituiti da nastro o film metallico. Per la maggioranza delle applicazioni il tipo più adatto è costituito da un filo ricotto di platino di elevata purezza avvolto in forma di bobina. Altri elementi a filo metallico sono ottenuti usando fili di nichel o di leghe di nichel. Elementi costituiti da fili di rame vengono ormai usati solo raramente. Caratteristiche interessanti sono ottenibili usando fili di tungsteno, che vengono però considerati di difficile lavorazione e troppo fragili per assicurare una sufficiente affidabilità di impiego.

Un elemento a filo di platino è stato usato per definire la Scala Internazionale Pratica di Temperature nell’intervallo da –183 a +630°C, ed è probabile che questo limite superiore venga esteso fino al punto di fusione dell’oro (+1063°C). La caratteristica della resistenza in funzione della temperature di un elemento di questo tipo è conforme ad una ben precisa legge teorica, in modo che la maggior parte dei suoi punti si può ottenere per calcolo con ottima approssimazione, dopo averne rilevato sperimentalmente solo alcuni. Ripetibilità entro circa 0,01 K sono state ottenute fino a temperature vicine a quella di fusione dell’oro. Gli elementi sensori resistivi a semiconduttore comprendono termistori, cristalli di germanio e silicio resistenze al carbone, e diodi all’arseniuro di gallio. I termistori presentano un coefficiente di temperatura della resistenza non lineare e negativo ed una caratteristica resistenza-temperatura di tipo empirico.




Trasduttori di temperatura

Vengono classificati in due categorie generali: trasduttori della temperatura superficiale, che vengono incollati, saldati, avvitati o bloccati sulla superficie della quale si vuole misurare la temperatura, e le sonde ad immersione che vengono immerse nei liquidi o fluidi per misurare la loro temperatura. Il fluido può essere contenuto in un tubo, un condotto, un serbatoio od altro contenitore nel quale la sonda viene introdotta attraverso una apertura stagna resistente alla pressione. Il fluido può anche essere in moto libero, anche in modo quasi impercettibile, come ad esempio nel caso di acqua in un contenitore o di atmosfera all’aperto o in un locale chiuso.

I trasduttori di temperatura termoelettrici hanno lo stesso tipo di giunzione sia che siano intesi per misure superficiali che per sonde ad immersione. Le giunzioni tra i due fili di metalli diversi si ottengono in vari modi, saldando, stagnando o brasando la giunzione, oppure saldando i terminali dei due fili l’uno vicino all’altro su di una superficie metallica o sull’interno metallico della punta di una sonda ad immersione.

Per misure di superficie le giunzioni sono stagnate, saldate o brasate ad una superficie, se è metallica, o incollate in caso contrario. Se è incollata occorre aver cura che la giunzione sia in buon contatto termico con la superficie da misurare. Nastrare la giunzione sulla superficie è un metodo poco raccomandabile in quanto la presenza di un intervallo anche molto piccolo tra giunzione e superficie può causare errori rilevanti. Per misure in immersione le termocoppie vengono spesso prodotte con una guaina integrale o inserite in una guaina sigillata.

Le giunzioni delle sonde termoelettriche per immersione, possono essere a massa (in contatto elettrico con la guaina), o isolate. In alcuni casi le giunzioni, sulla punta di una sonda, vengono immerse nel fluido senza alcuna guaina di protezione. Nel caso che tra la giunzione di misura e quella di riferimento debbano interporsi connettori o prolunghe, questi vanno realizzati usando gli stessi tipi di materiali costituenti le giunzioni.

Le termocoppie vengono generalmente ottenute con un cavo formato da due conduttori isolanti, solo raramente da fili singoli non isolati. I cavi impiegano vari  tipi di isolanti, sia per i singoli fili sulla coppia, inoltre possono essere o non essere schermati. Adatto alla maggior parte delle applicazioni è un cavo da termocoppia con isolamento ceramico e schermatura metallica con diametro esterno compreso tra 2 e 10 mm.

Quando la misura da effettuare consiste nella differenza di temperatura tra due punti, si possono usare termocoppie differenziali. In questo caso la giunzione di riferimento costituisce la giunzione di misura del secondo punto. Il primo filo della prima giunzione ed il secondo della seconda debbono comunque essere collegati a terminali isotermici, ma non è necessario che questa temperatura sia nota.

Trasduttori di temperatura resistivi

I trasduttori a variazione di resistenza per misura di temperature superficiali, sono generalmente sufficientemente piccoli e piatti da risentire solamente dei trasferimenti di calore di tipo conduttivo e non quelli di tipo convettivo. Dopo l’installazione possono essere ricoperti o verniciati in modo da minimizzare  trasferimenti di calore per radiazione. L’elemento sensore è generalmente un filo metallico o avvolto su di una sottile piastrina  isolante o, in forma di spirale, incollato alla base del contenitore. Alcuni trasduttori a foglietta metallica (incapsulati o liberi) sono realizzati secondo un percorso a zigzag. Tutte le realizzazioni tendono ad ottenere la massima superficie attiva ai fini della conduzione del calore su un area d’ingombro minima.

Sonde a immersione di tipo resistivo a filo metallico, generalmente di platino ma spesso anche di nichel o sue leghe, trovano largo impiego nella misura della temperatura di fluidi sia in campo industriale che in quello scientifico.Solitamente la sonda è costituita da un elemento incapsulato in ceramica, montato in una guaina protettiva forata, in modo da essere adatta per una grande varietà di fluidi in un ampio campo di temperature. Per applicazioni in fluidi  pressocchè stagnanti vengono usate sonde con elementi non incapsulati in modo da ridurre la costante di tempo. Alcuni fluidi richiedono elementi completamente incapsulati in guaine metalliche ma con buon contatto termico tra elemento e guaina. Il giunto filettato consente di ottenere una tenuta stagna mediante una guarnizione od un ring posto  tra il contenitore e il tubo di montaggio.

Termistori

Vengono usati sia per misure superficiali sia per misure di fluidi. A causa dell’andamento non lineare (essenzialmente in forma di un esponenziale negativo) della curva  caratteristica resitenza-temperatura, sono particolarmente utili quando è richiesta una elevata variazione di resistenza in un intervallo di temperatura limitato. Dove è richiesta una costante di tempo molto breve, si può usare un termistore a perlina, inglobato in vetro, di diametro ridotto fino a 0,3 mm, sospeso ai terminali in lega di metallo prezioso di diametro di 0,03 mm. Se è richiesta una maggiore solidità meccanica si può usare un montaggio in vetro lungo circa 4 mm, avente in punta un diametro di circa 1,5 mm. La potenza d’eccitazione deve essere mantenuta bassa ad evitare errori dovuti  ad autoriscaldamento. Trasduttori di temperatura a termistore sono disponibili in una grande varietà di conurazioni.



Termometri al germanio

Sono costituiti da cristalli di germanio di elevata purezza  contenenti una quantità controllata di impurezze (droganti). Sono previsti specialmente per misure di temperature criogeniche (al disotto di –195°C) . Per queste applicazioni sono state usate anche resistenze di carbone, come pure giunzioni di arseniuro di gallio, che possono essere utilizzate fino a temperature un po’ più elevate. Trasduttori a piastrina di silicio sono stati usati per misure di temperatura superficiale nel campo di temperatura compreso tra –50 e +275°C, nel quale presentano un andamento della caratteristica resistenza-temperatura simile a quella di alcuni fili metallici.

Trasduttori di temperatura a cristalli di quarzo

Questi tipi di trasduttori impiegano come elemento sensore dei cristalli la cui frequenza di risonanza varia in modo quasi lineare con la temperatura tra circa –50 e +250°C. Vengono generalmente forniti assieme alla necessaria apparecchiatura elettronica di eccitazione e lettura. Questo tende a limitarne l’utilizzo negli impieghi di carattere generali, ma non in quelli di laboratorio per i quali presentano notevoli vantaggi.

La scelta di un trasduttore di temperatura è più complessa di quella della maggior parte degli  altri tipi di trasduttore. L’obbiettivo è quello di scegliere una realizzazione il cui elemento sensibile sia in grado di raggiungere la temperatura del materiale da misurare entro il tempo disponibile per effettuare la misura. Quindi, tra i criteri di scelta più importanti avremo le caratteristiche del solido o fluido da misurare, i limiti del campo di misura, il tempo di risposta necessario (costante di tempo), ed il tipo di eccitazione e trattamento dei segnali di uscita che è disponibile o che si intende usare.

Pirometri a radiazione

Sono dei trasduttori di temperatura senza contatto con il materiale o la superficie da misurare, e ne rilevano la trasmissione di calore emessa per radiazione. Questa radiazione riguarda principalmente la porzione infrarossa dello spettro elettromagnetico (lunghezze d’onda comprese tra 0,75 e 1000  mm). Un tipico pirometro a radiazione ha un aspetto esterno simile a quello di una macchina da presa cinematografica. I pirometri impiegano un sistema ottico costituito da lenti e specchi (sensibili nella regione dell’infrarosso) che focalizza la radiazione su di un elemento sensore termoelettrico o resistivo (generalmente di tipo fotoconduttivo). L’uscita dell’elemento sensore può essere correlata con la temperatura della superficie da misurare mediante taratura. I pirometri a radiazione vengono generalmente usati per misure di elevate temperature (fino a 3500°C), ma trovano anche impiego per misure senza contatto nel campo delle medie temperature fino a –50°C.

Trasduttori di flusso di calore

Sono stati realizzati due tipi fondamentali di trasduttori per la misura del flusso di calore, in termini di ammontare totale di energia termica (il flusso di calore è generalmente espresso in W/cm2 ). Il calorimetro fornisce un segnale d’uscita proporzionale all’energia elettrica trasmessa sia per conone che per radiazione (flusso totale di calore). Il radiometro rileva solamente l’energia trasmessa per radiazione (flusso di calore irraggiato). Praticamente tutti i trasduttori di flusso usano elementi sensori termoelettrici.

Calorimetri

Il calorimetro a foglio (calorimetro a membrana) agisce come una termocoppia differenziale rame-costantana. Quando il flusso di calore viene ricevuto dal sottile disco sensore di costantana, che è metallurgicamente saldato lungo la sua circonferenza ad un dissipatore di rame, il calore assorbito viene trasferito radialmente al dissipatore. Questo provoca una differenza di temperatura tra il centro del disco e il suo bordo. Un sottile filo di rame è collegato esattamente al centro della superficie inferiore del disco, formando così una giunzione rame-costantana. Il contatto rame-costantana sulla circonferenza del disco forma la seconda giunzione. Il segnale d’uscita del calorimetro è quindi proporzionale all’energia assorbita. Quando il flusso di calore deve essere rilevato per un lungo periodo di tempo, si può equigiare il calorimetro a membrana con tubi e percorsi di flusso interni per consentire un  raffreddamento ad acqua.

Il calorimetro a disco (calorimetro a pendenza) è realizzato con un sensore a disco di massa termica relativamente elevata, con una superficie esterna ad alta emissività, termicamente isolato dal contenitore del trasduttore. Una termocoppia a fili sottili è collegata al centro della superficie del disco. Quando questo riceve un flusso di calore si ha un segnale di uscita dalla termocoppia. Il segnale è proporzionale all’incremento di temperatura del disco.

Radiometri

Un tipico radiometro è costituito essenzialmente da un calorimetro a membrana con una finestra (generalmente di quarzo o di zaffiro sintetico) montata al di sopra del sensore a disco, in modo tale che ad esso pervenga calore solo per radiazione e non per conone . La cavità formata da finestra, disco e contenitore esterno è generalmente stagna, in alcuni casi è resa accessibile per consentire la pulizia della finestra, specialmente quando il radiometro viene usato in atmosfera contaminante. I radiometri possono essere raffreddati ad acqua. La sensibilità può essere aumentata usando una termopila differenziale (multigiunzione) in luogo di una termocoppia differenziale a due giunzioni.






Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta