ePerTutti

Categoria
Arte
Biologia
Chimica
Diritto
Economia
Elettronica
Fisica
Geografia
Informatica
Inglese
Italiano
Latino
Letteratura
Lingue
Management marketing
Matematica
Psicologia
Ricerche
Sociologia
Storia
Storia dell arte
Tecnica
Tecnologia meccanica
Tedesco
Varie
Appunti, Tesina di, appunto LATINO

I MODI DEL VERBO

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

I MODI DEL VERBO

L’azione espressa dal verbo può presentarsi, anche in Latino, in vari modi, distinguibili in 2 gruppi fondamentali:

MODI FINITI

(indicanti, in modo preciso, sia l’azione di cui si parla, sia la persona che la compie):  

Indicativo (modo della realtà = oggettività):  

      tempi principali:       presente / perfetto logico / futuro sempl. / futuro ant.

      tempi storici:           imperfetto / perfetto / piuccheperfetto.

     

Congiuntivo (modo della possibilità ed eventualità = soggettività):

      tempi principali:       presente / perfetto logico

      tempi storici:           imperfetto / perfetto / piuccheperfetto.

     

Imperativo (modo del comando):

      tempi (principali): presente / futuro (di uso raro).

      negativo: ne + congiuntivo (per esprimere divieto).

   

MODI INDEFINITI

(che non racchiudono in sé l’indicazione della persona che compie l’azione di cui si parla; ma si limitano a enunciare l’azione espressa dal verbo in modo generico, senza indicare la persona che la compie. Sono anche conosciuti come forme nominali del verbo)

   

Infinito (In origine: sostantivo esprimente l’astratta formulazione dell’azione. Prende il nome dal fatto di essere indeterminato nella persona e nello svolgersi dell’azione):

presente (indica azione contemporanea a quella del verbo reggente, in qualunque tempo questo sia);

futuro (azione futura rispetto al verbo reggente);

perfetto (azione passata rispetto al verbo reggente).

     

Participio (modo che “partecipa” di un doppio aspetto: nominale e verbale):

presente (indica azione contemporanea a quella del verbo reggente, in qualunque tempo questo sia);

futuro (azione futura rispetto al verbo reggente);

perfetto o passato (azione passata rispetto al verbo reggente).

     

Gerundio (Gerundi modus = modo di comportarsi). È un sostantivo verbale, con una sua flessione [si declina come un nome della seconda declinazione; l’infinito ne costituisce il nominativo e l’accusativo (come oggetto diretto; altrimenti troviamo l’accusativo in -um preceduto da preposizione, in genere da ad). Quindi, il gerundio fa le veci dei casi obliqui dell’infinito]. Ha sempre valore attivo:

      - Si usa, generalmente, con verbi intransitivi o con verbi transitivi costruiti intransitivamente:

      Es.:             - Aptus ad pugnandum

- Errando discitur.

     

Gerundivo (È un aggettivo verbale. Esprime un’azione che dev’essere compiuta. Si declina come gli aggettivi della prima classe. Ha sempre valore passivo:

            - Si usa al posto del gerundio:

            (a) obbligatoriamente:

                        (a.1) se il verbo è transitivo, con oggetto espresso: al dativo, oppure all’accusativo e                                          all’ablativo preceduti da preposizione:

                        Es.:       - difficultas ad consilium capiendum;

                                    - praefectus bello gerendo;

                        (a.2) con valore predicativo, con i verbi curo, do, trado, mitto, concedo, suscipio,ecc…

            (b) facoltativamente: nel genitivo e nell’ablativo semplice, sempre però con verbo transitivo e oggetto     espresso:

                        Es.:       - gens regendae rei publicae perita.

Supino (Nomen supinum = che si ripiega à su una voce verbale finita, per assumere valore specifico. È un sostantivo verbale rientrante nella 4^ declinazione, con flessione attiva -UM = accusativo; e passiva -U = dativo/ablativo).



© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati ::::: Condizioni Generali - Invia - Contatta