ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto chimica

FOSFOLIPIDI, PROTEINE

FOSFOLIPIDI, PROTEINE


Scrivere la parola
Seleziona una categoria

FOSFOLIPIDI


I lipidi sono una classe eterogenea di sostanza che comprendono: grassi, oli, cere, fosfolipidi, steroidi. I lipidi possono fungere da riserva di energia e costituiscono uno strato impermeabile intorno alle cellule. I grassi e gli oli hanno come monomeri il glicerolo e gli acidi grassi. I grassi egli oli sono chiamati trigliceridi e possono presentarsi sia in forma solida, come i grassi animali, sia in forma liquida, come gli oli vegetali. I grassi e gli oli forniscono a parità di peso più energia degli zuccheri. Ciò è dovuto al fatto che nei trigliceridi la maggior parte dei legami sono legami C-H e C-C che contengono più energia dei legami C-O. Le cere sono insolubili in acqua ed hanno una funzione di rivestimento impermeabile sulla superficie delle foglie, corteccia degli alberi, sulle penne degli uccelli. I fosfolipidi hanno un’importanza basilare per le cellule. La molecola di un fosfolipide può essere immaginata come formata da una testa solubile (che comprende un gruppo fosfato Po) e da una coda insolubile (costituita da due catene di acidi grassi). Quando si trovano a contatto con l’acqua, le molecole si affiancano l’una all’altra, formando con le teste orientate verso l’acqua e le code in modo da evitare il contatto con l’acqua. Tutte le cellule sono circondate da una membrana formata da un doppio strato di fosfolipidi che costituisce una barriera naturale che consente alle cellule di non perdere il proprio contenuto acquoso. Gli steroidi sono insolubili in acqua ma possono sciogliersi negli oli, sono per esempio gli ormoni sessuali, come l’estrogeno e il testosterone e le vitamine A, D, E. Altro steroide importante è il colesterolo, componente delle membrane cellulari. Il colesterolo viene introdotto con l’alimentazione e prodotto nel fegato in quantità che possono aumentare ed eccedendo si deposita sulle pareti delle arterie e produce un restringimento occludendole. Si ha così la VASOCOSTRIZIONE (che comporta un restringimento del diametro delle arterie) e l’IPERTENSIONE (aumento della pressione sanguigna). Se queste disfunzioni si aggravano si può arrivare ad ICTUS (arresto di circolazione sanguigna nelle arterie cerebrali) e INFARTO (blocco in una delle arterie del cuore).



PROTEINE


Hanno funzione strutturale e secondariamente energetica, sono polimeri di amminoacidi. Negli amminoacidi vi è la compresenza di u gruppo acido e basico che conferisce alle proteine il potere tampone. Il corpo umano contiene circa 50.000 diverse proteine. Le subunità delle proteine sono gli amminoacidi, la loro struttura generale presenta un atomo di carbonio centrale a cui sono legati quattro gruppi di atomi. Il gruppo amminico, basico e quello carbossilico, acido. In ogni proteina gli amminoacidi sono legati l’uno all’altro da un legame peptidico, un legame covalente che si forma tra il gruppo carbossilico di un amminoacido e il gruppo amminico dell’ amminoacido successivo con eliminazione di una molecola d’acqua. Le proteine possono presentare diversi livelli d’organizzazione strutturale. Sono 4 i livelli d’organizzazione molecolare. I primi due sono basilari e si trovano in tutte le proteine.

1° livello d’organizzazione: struttura primaria, sequenza d’amminoacidi ch si susseguono nella molecola e che la caratterizzano.

2° livello d’organizzazione: struttura secondaria data dalla disposizione spaziale che hanno queste sequenze ripiegate su se stesse. Possono essere a ELICA o SPIRALE o piani beta.

3° livello d’organizzazione: struttura terziaria presente solo in due categorie di proteine ENZIMI e ANTICORPI . Modificazione, complicazione della struttura secondaria che dà specificità e possibilità di svolgere azioni particolari. Gli enzimi sono detti CATALIZZATORI BIOLOGICI ovvero molecole che possono avviare una reazione chimica con un dispendio d’energia minima e la sveltisce, la fa avvenire in tempi più rapidi e in condizioni non ottimali. La temperatura all’interno delcellula - METABOLISMO, LA RESPIRAZIONE, RESPIRAZIONE AEROBICA DELLA SOSTANZA ORGANICA" class="text">la cellula umana non è elevata, è di 37°ma la presenza dell’enzima fa sì che nelle nostre cellule avvengano reazioni chimiche enzimatiche attuate da enzimi specifici. Un enzima è specifico in base alla struttura terziaria che può catalizzare un solo tipo di reazione. L’enzima deve avere una forma tale da corrispondere ai reagenti, aderisce alle molecole, fa avvenire la reazione. Il vantaggio è il lavoro a catena, dato che non prende parte alla reazione, non si altera e non si consuma e dopo aver svolto la sua mansione si stacca. L’enzima deve corrispondere al SUBSTRATO e la parte grazie alla quale l’enzima può aderire al substrato e che svolge la funzione catalizzatrice si chiama SITO ATTIVO. Gli ANTICORPI sono una struttura terziaria per il meccanismo con cui svolgono l’azione. Le nostre cellule li producono per combattere le sostanze estranee che penetrano nel nostro corpo e che lo danneggerebbero. Tutto ciò che è estraneo alle nostre cellule è detto ANTIGENE, il sistema immunitario è adibito all’eliminazione di questo. Un anticorpo può eliminare un dato tipo di antigene che ha la struttura complementare alla sua. Gli anticorpi non si esauriscono (grazie alla memoria immunologica) ma vengono riutilizzati quando si ristabilisce un contagio.



4° livello struttura quaternaria. Quando vi sono proteine formate da più catene legate fra loro. Esempio di struttura quaternaria è l’emoglobina proteina contenuta dai globuli bianchi, una molecola di emoglobina è formata da 4 catene d’amminoacidi legati fa loro ed ogni catena ha un atomo di ferro grazie alla cui presenza viene caricato l’ossigeno ed espulsa l’anidride carbonica.


Galleria di foto e immagini per: proteine


imagine cu proteineimagine cu proteine immagini proteineimmagini/poza proteine





Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta