ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto letteratura

RENZO il personaggio



Scrivere la parola
Seleziona una categoria

RENZO
il personaggio











Giovane filatore di seta,Renzo ha un carattere esuberante e attivo;ama la giovane Lucia e concorda con il curato i tempi e i modi del matrimonio.

Pur essendo rispettoso della autorità di Don Abbondio, non accetta torti e soprusi e, una volta saputo il motivo dell’improvviso rifiuto del curato di celebrare il matrimonio,medita un vendetta che però non può realizzare sia per la sua fede nei valori cristiani, sia perché don Rodrigo è protetto dai bravi.

Lascia il suo paese da giovane inesperto ed ingenuo,quando soggiorno pur brevemente a Milano, affronta eventi drammatici che lo maturano lo rendono più accorto.

Con intraprendenza e ottimismo affronta la nuova vita nel bergamasco,dopo il mandato di cattura che la giustizia milanese spicca contro di lui.

Si mantiene però fedele al progetto di vita in comune con Lucia.

Quando Agnese gli fa sapere che il matrimonio non è più possibile per un voto di castità formulato dalla giovane, Renzo, con coraggio non si piega alla nuova svolta del destino,anzi, preferisce affrontare Milano in preda alla peste,sorretto solo dal tenace filo della speranza, pur di ritrovare Lucia ed arrivare ad una spiegazione diretta con lei.

Dopo la morte di don Rodrigo e lo scioglimento del voto, arriva finalmente il matrimonio e un progetto di vita. Renzo è ora maturato, crede nelle sue capacità  “imprenditoriali” e rilette con ironia sulle vicissitudini passate.

Renzo è gia tutto nel primo ritratto, quando, il mattino delle nozze si reca puntualmente da Don Abbondio con la lieta furia di un uomo di 20 anni, che deve i quel giorno sposare la donna che ama, vestito in gran gala, con penne di vario colore al cappello, con una certa aria di festa e nello stesso tempo di braveria. Anima semplice ed ottimista, solo ora comincia a conoscere il male del mondo, nei soprusi degli uomini potenti; ma non disposto a lasciarsi piegare da loro, reagisce con tutte le sue forze. Di fronte alla violenza, il suo animo pacifico non pensa che alla vendetta e all’omicidio, ma da questo lo terranno lontano le parole di fra Cristoforo , l’immagine ed il pianto di Lucia, la sua innata onestà ed il suo forte sentimento religioso. Come Lucia trova anche lui nella fede la guida della vita e il conforto della sventura: ma non ha, come la promessa, tanti scrupoli. Renzo è un ingenuo, un povero montanaro che conosce poco il mondo e quindi facile ad essere preso, inebriato, sviato dagli eventi. Eppure non è un balordo,anzi è abbastanza accorto e intelligente per covarsi d’impaccio e mettersi in salvo: intuisce l’inganno di don Abbondio, strappa a Lucia il consenso del matrimonio clandestino, sfugge ai birri, trova la strada dell’Adda, rintraccia la fidanzata nel lazzaretto.



Il nucleo più notevole delle avventure di Renzo è nei moduli che narrano la sua prima venuta a Milano fino alla conclusione della fuga. È una varietà continua di stati d’animo, di atteggiamenti e di situazioni.

C’è un Renzo ingenuo e saputo, effervescente e baldanzoso, immaginoso e rumoroso, accorto e attento.

Nella notte verso l’Adda , la solitudine, il buio, il freddo trasformano Renzo, lo fanno silenzioso e meditativo. Ma quando scoppia il grido d trionfo :”è L’ADDA”

Ritorna il Renzo di sempre, padrone di sé, pieno di fiducia e di speranza. Renzo è anche ritratto nel suo amore per Lucia a cui è legato da una fedeltà assoluta da una dedizione totale: basta osservare il divampare di quell’affetto dopo tanti mesi nel lazzaretto quando ai piedi della cappella, il giovane va ad inginocchiarsi sull’ultimo gradino e fa a Dio una preghiera o per dir meglio, una confusione di parole arruffate, di frasi interrotte,d’esclamazioni,di lamenti, di promesse.

Ecco il Renzo che vedo e che tutti vediamo, uomo semplice ma con grande determinazione.











Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta