ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto ricerche

IL MOVIMENTO ORGANICO IN EUROPA



Scrivere la parola
Seleziona una categoria

IL MOVIMENTO ORGANICO IN EUROPA


Dal punto di vista del progresso meccanico e di teorie astratto-urative, il bilancio europeo dal 1933 allo scoppio dell'ultimo conflitto mondiale non può che apparire fallimentare, e questo può essere spiegato solamente attraverso alcuni semplici motivi. Numerosi protagonisti del movimento moderno hanno abbandonato l'Europa. Gropius, Mies, Mendelsohn, per limitarsi ad alcuni nomi, sono emigrati. Le Corbusier ha dipinto, ha progettato, ma in pratica ha dovuto rinunciare a costruire fino al dopoguerra. Nei casi più fortunati, dal 1933 al '40 si manifesta non un avanzamento, ma bensì un mera resistenza al riflusso classicistico confinate a rare isole quali la Svizzera e la Cecoslovacchia e durante un breve tratto l'Italia. In questo periodo prima della seconda guerra mondiale, non si conoscono le varie vicende in maniera approfondita, tanto che si cerca di capire se per esempio qualcuno avesse aggiunto ai cinque punti di le Corbusier un sesto punto, o se alle basi fondamentali di cui si era nutrito il razionalismo cioè purismo e neoplasticismo, se ne fosse aggiunta una terza. A parte tutto, si può trarre un bilancio internazionale rimeditando sull'esposizione universale di New York del 1939. Ebbene, chi visita il comprensorio newyorkese in quel tetro autunno del 1940, si sarebbero potuti pronosticare l'eroica resistenza della Gran Bretagna, la inevitabilità di una completa disfatta della Francia, il fallimento del fascismo in Italia, un duratura stato di generale decadenza in Europa. Ma poi osservando il capolavoro di Aalto, si doveva concludere che, malgrado la crisi del razionalismo, si era sviluppata una nuova poetica europea già incarnata in sicure testimonianze.










Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta