ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto ricerche

Vulcani - Vulcanismo, Vari tipi di vulcano, Caldere, Materiali vulcanici, Tipi di eruzione, Depositi vulcanici



ricerca 1
ricerca 2
Seleziona una categoria

Vulcani

-Vulcanismo. Insieme di processi attraverso cui il materiale roccioso fuso, o magma, risale dall'interno della Terra in superficie, con emissione nell'atmosfera di numerosi gas. La disciplina che studia tali fenomeni, nonché le strutture, i depositi e l'ambiente che essi generano è detta vulcanologia.

Magma e gas risalgono in superficie attraverso le zone più deboli dello strato più esterno della Terra, la litosfera, che si trovano soprattutto presso i margini delle zolle componenti la litosfera stessa, dove appunto si riscontra la maggior parte dei fenomeni vulcanici. Laddove magma e gas riescono a raggiungere la superficie terrestre, attraverso condotti o fessurazioni della crosta, si formano strutture geologiche chiamate vulcani, dei quali esistono varie tipologie. Tipica forma di vulcano è quella del monte Fuji in Giappone, costituito da una struttura conica con cratere sulla sommità, dal quale (nel caso in cui il vulcano sia attivo) fuoriescono episodicamente ceneri, vapori, gas, roccia fusa e frammenti solidi, spesso in modo esplosivo. I vulcani attivi costituiscono meno dell'1% di tutti i vulcani presenti sulla Terra.

Almeno l'80% del vulcanismo avviene attraverso lunghe fessurazioni verticali della crosta terrestre, sviluppandosi principalmente lungo i margini cosiddetti costruttivi delle zolle, corrispondenti alle dorsali oceaniche. Qui viene prodotta continuamente nuova crosta oceanica, che determina così una continua espansione dei fondali: la maggior parte del vulcanismo attivo sul nostro pianeta si svolge infatti sul fondo dell'oceano e non è quindi visibile.




-Vulcanismo di superficie

Il vulcanismo di superficie, o continentale, è molto meno importante di quello oceanico in termini di volume di magma emesso, ma interessa maggiormente la vita dell'uomo, che può rimanere vittima dei suoi effetti. L'attività di un vulcano può essere caratterizzata da violente esplosioni o anche da una tranquilla e continuativa effusione di magma che, quando raggiunge la superficie, prende il nome di lava.


-Vari tipi di vulcano


Vulcani lineari

Il vulcanismo lineare, è caratteristico delle dorsali oceaniche, ma può anche verificarsi sulla terraferma. I vulcani da spaccatura emettono grandi volumi di materiale fluido, che effondendosi ricopre vaste aree; eruzioni successive possono dar luogo alla formazione di piattaforme o plateau. Oggi i più classici vulcani di spaccatura si possono osservare in Islanda. Tale vulcanismo di spaccatura sulle superfici continentali ha interessato soprattutto le epoche geologiche passate, com'è rilevabile dai grandi plateau presenti su tutti i continenti. Le effusioni basaltiche hanno formato, tra gli altri, il plateau del Deccan, nell'India centroccidentale, il bacino del Paraná, compreso fra Brasile meridionale, Argentina e Paraguay, il plateau della Columbia, negli Stati Uniti nordoccidentali, il Drakensberg Plateau in Sudafrica, e il plateau centrale dell'Isola del Nord della Nuova Zelanda.


Vulcani a condotto centrale

La maggior parte dell'attività vulcanica si manifesta in superficie; questo tipo di struttura dà origine ai cosiddetti vulcani a condotto centrale, che si presentano con due diverse tipologie: i vulcani conici e i vulcani a scudo.

- Il vulcano conico a versanti ripidi si forma in seguito all'eruzione di materiali solidi, o piroclastici di varie dimensioni, dalle ceneri ai macigni. Il materiale, scagliato in aria da eruzioni esplosive, tende a ricadere nelle immediate vicinanze del cratere, lo sbocco esterno del condotto vulcanico. Esempio ben conosciuto di questo tipo di vulcano è il Paricutín, in Messico, che iniziò a eruttare improvvisamente in mezzo a un campo il 20 febbraio 1943, innalzando in sei giorni un cono di ceneri alto 150 m e raggiungendo, alla fine di quell'anno, quasi 440 metri.

- Pochi vulcani però emettono solo materiale piroclastico, così da formare coni di sole ceneri; di solito, durante le eruzioni, fuoriesce anche lava, cosicché la struttura vulcanica risultante è spesso formata da strati sovrapposti di lava e materiale piroclastico. Questi vulcani sono detti vulcani compositi, o vulcani-strato e sono i vulcani più grandi e conosciuti, come lo Stromboli e il Vesuvio in Italia, il Popocatépetl in Messico, il Cotopaxi in Ecuador, il Kilimanjaro in Tanzania e lo stesso Fuji.


Vulcani a scudo

Il vulcano a scudo ha solitamente struttura allargata, con un diametro di base talora di parecchie decine di chilometri e versanti dall'inclinazione molto dolce, di solito inferiore ai 12°; generalmente si è formato in seguito a successive emissioni di lava basaltica fluida. I vulcani a scudo spesso hanno più di uno sbocco e presentano anche fessure lungo i loro fianchi, come nel caso dell'Etna, il più alto vulcano europeo, e dei grandi vulcani delle isole Hawaii. Queste isole sono costituite da un complesso di vulcani a scudo che si innalza dal fondo dell'oceano; il Mauna Loa, sull'isola di Hawaii, si eleva per oltre 10.000 m dal fondo oceanico.


Vulcani di superficie e tettonica a zolle

I vulcani che sorgono sulla superficie terrestre sono spesso situati in corrispondenza dei margini delle zolle in collisione. Quando due zolle convergono, il margine dell'una si inabissa al di sotto dell'altra, dirigendosi verso il mantello (lo strato di materiale semifuso che sta sotto la litosfera). Questo moto di subduzione ha come risultato finale la reincorporazione nel mantello del materiale che costituisce la litosfera. Talvolta i margini di zolla sono ambedue costituiti da litosfera di tipo oceanico; più spesso, uno di essi è costituito da litosfera oceanica e l'altro da litosfera continentale. Dato che la litosfera continentale è più dura e meno compatta, è quella oceanica ad andare in subduzione.

Quando la crosta oceanica fonde in conseguenza del processo di subduzione, il magma formatosi risale verso l'alto lungo il piano di subduzione e alla fine viene eruttato in superficie, di solito sul lato interno, rispetto al continente, del margine della zolla. Questo processo fu alla base della formazione di estese catene montuose, come le Ande in Sud America e la cosiddetta Cordigliera nel Nord America, che comprende la Catena delle Cascate e le Montagne Rocciose. Quando il vulcanismo causato dalla subduzione avviene nell'oceano, si formano lunghe catene arcuate di isole vulcaniche, come il Giappone e le Filippine.

La maggior parte delle zone di subduzione della Terra si trova lungo il bordo dell'oceano Pacifico, quiescenti o attivi esistenti sulla Terra. Essi formano una fascia conosciuta come 'anello di fuoco', caratterizzata per lo più da intensa sismicità. L'anello di fuoco si estende lungo le Ande, la atka, le isoleCordigliera nordamericana, le isole Aleutine, la penisola di Kam Curili, il Giappone, le Filippine, Celebes, la Nuova Guinea, le isole Salomone, la Nuova Caledonia, e la Nuova Zelanda.


-Caldere

La cavità attraverso cui il materiale vulcanico viene emesso, detto cratere, nei vulcani inattivi si conura come una depressione, che spesso si riempie di acqua, formando dei laghi. Il più noto è il Crater Lake nell'Oregon (Stati Uniti), del diametro di circa 8 km. In Italia, laghi originati da vulcani spenti sono quelli di Bolsena, Bracciano, Albano, Vico e Nemi nel Lazio.

Talvolta la sommità del vulcano collassa nel condotto stesso, formando una depressione molto ampia, chiamata caldera, che può avere un diametro anche di molti chilometri. Le caldere si formano anche in seguito a violente esplosioni che fanno 'saltar via' la sommità del vulcano, come è accaduto al Krakatoa, in Indonesia, nel 1883. Le onde di maremoto provocate dall'eruzione provocarono decine di migliaia di vittime in tutto il Sud-Est asiatico e il boato dell'esplosione si udì fino a 5000 km di distanza, mentre milioni di tonnellate di ceneri vulcaniche venivano scagliate nell'atmosfera.


-Materiali vulcanici

Al di sotto della maggior parte dei vulcani attivi o potenzialmente attivi è situata una camera magmatica contenente roccia fusa. Questo magma, originatosi probabilmente nell'astenosfera (lo strato a comportamento plastico situato immediatamente al di sotto della litosfera), trova nella camera una sorta di stazione intermedia prima di raggiungere la superficie. Quando il magma raggiunge la superficie, comunque, può trovarsi allo stato solido, liquido o gassoso.

La maggior parte dei magmi contiene gas disciolti, con anidride carbonica e anidride solforosa, che vengono liberati in conseguenza della forte diminuzione di pressione subita dal magma durante la risalita. L'emissione di gas può essere improvvisa e avvenire con forza esplosiva: in questo caso il magma viene scagliato verso il cielo in frammenti fusi o semifusi, chiamati, tefra o materiale piroclastico. Questi frammenti, più o meno grossi, solidificano completamente prima di ricadere al suolo.

Il materiale piroclastico assume forme assai varie, che vanno dalla consistenza della polvere, trasportata a grandi distanze dal vento, fino alle dimensioni di macigni del peso di oltre 100 tonnellate che, in eruzioni particolarmente violente, possono essere scagliati anche a parecchi chilometri dal cratere. Nelle eruzioni meno intense, i frammenti vulcanici non vengono scagliati verso l'alto ma, mescolati con gas caldissimi, scendono rapidamente lungo i versanti del vulcano sotto forma di nube ardente, che distrugge tutto ciò che si trova sul suo percorso.


-Tipi di eruzione

Ogni vulcano può eruttare in molti modi diversi, ma certi tipi di eruzione tendono a essere associati a particolari tipi di vulcani. Ciò si riflette nella classificazione delle eruzioni vulcaniche: ogni categoria è identificata con il nome di un vulcano. Le eruzioni tipiche dei vulcani a scudo sono dette di tipo hawaiano. Eruzioni più esplosive sono classificate, in base a una scala di viscosità crescente del magma, come stromboliane (da Stromboli), vulcaniane (da Vulcano, nelle isole Eolie), vesuviane, pliniane e peléeane (da Pelée, nella Martinica). Le eruzioni vesuviane, pliniane e peléeane hanno il carattere più parossistico; portano all'espulsione di grandi quantità di ceneri e anche di blocchi di lava. Le eruzioni peléeane sono inoltre associate alle già citate nubi ardenti. L'8 maggio 1902, l'eruzione del Pelée distrusse la città di Saint-Pierre e provocò la morte di circa 30.000 persone, la maggior parte per gli effetti di una nube ardente.

A differenza delle eruzioni esplosive, che hanno ucciso decine di migliaia di persone nel corso della storia, quelle di tipo hawaiiano e per certi versi quelle stromboliane costituiscono raramente un rischio per le persone. La lava può scorrere anche rapidamente, ma non tanto da impedire alle popolazioni locali di trovare scampo.


-Depositi vulcanici

Il magma di solito, quando raggiunge la superficie terrestre, ha temperature comprese tra 800 °C e 1200 °C. Mentre scorre sui versanti del vulcano si raffredda, solidificando a partire dalla parte più esterna. A seconda della viscosità del magma di origine, i flussi lavici presentano forme e strutture differenti.

La lava derivata da magma molto fluido e mobile, che emergendo in superficie si solidifica rapidamente in una sottile crosta deformabile, assume la forma del materiale fuso che scorre al di sotto di essa. La lava derivata da un magma meno fluido, che raffreddandosi forma una 'pelle' spessa e coriacea continuamente rotta dal magma che continua a scorrere al di sotto di essa, si presenta con una superficie estremamente irregolare. Non tutto il gas contenuto nel magma si diffonde nell'atmosfera nel corso di un'eruzione: una parte può rimanere intrappolata in piccole cavità, chiamate vescicole, che talora persistono anche quando la lava si è solidificata. La pomice è una lava consolidata particolarmente ricca di vescicole, così che questa roccia può galleggiare nell'acqua.

I materiali piroclastici possono consolidarsi a formare i cosiddetti tufi. Il materiale di una nube ardente può pure consolidarsi a formare una ignimbrite. Tufi e ignimbriti sono pertanto rocce composite, costituite da un grande assortimento di frammenti vulcanici.


-Forme ignee

Le rocce che si sono formate per solidificazione di un magma sono dette rocce ignee o eruttive. Un flusso lavico solidificato in superficie è una roccia ignea, che però si presenta anche sotto altre forme. Spesso parte del magma non riesce a raggiungere la superficie: può fermarsi in cavità sotterranee o farsi spazio tra strati di roccia.



Il magma che si infiltra in aperture sotterranee solidifica sul posto formando intrusioni, spesso di grandi dimensioni. Un sill è un'intrusione a lastra che si infiltra nei giunti di stratificazione di una roccia sedimentaria. Quando la pressione del magma spinge la roccia sovrastante in modo da farle assumere una forma di cupola, generando un'intrusione a forma di fungo, si ha un laccolite. Un lopolite è un'intrusione appiattita che si forma quando il magma si infiltra tra livelli ripiegati di rocce stratificate; un facolite si infiltra fra gli strati nella zona di cerniera di una piega.

Quando un vulcano si estingue, oppure diventa quiescente, il magma rimasto nel condotto può solidificare dando luogo a una sorta di 'tappo'. Se la roccia circostante viene erosa con il tempo, il magma solidificato rimane isolato creando delle particolari formazioni a guglia, che risaltano nel paesaggio. Se il vulcanismo ha luogo attraverso una fessura verticale anziché un condotto cilindrico, il magma, solidificandosi, dà luogo a un filone verticale di forma tabulare che prende il nome di dicco; l'esempio più impressionante è dato probabilmente dal Great Dyke dello Zimbabwe.


-Punti caldi

La maggior parte dell'attività vulcanica avviene lungo i margini delle zolle, dove la litosfera è più debole. Tuttavia il vulcanismo riguarda anche zone lontane da questi punti, come ad esempio l'area della Rift Valley, nell'Africa orientale, dove sorge un vulcano come il Kilimanjaro. Ciò è comprensibile, in quanto la Rift Valley rappresenta una zona in cui la crosta continentale ha iniziato a lacerarsi e dove si prevedono future grandi eruzioni magmatiche.

La presenza di 10.000 o più vulcani sottomarini, attualmente quasi tutti estinti, sul fondo dell'oceano Pacifico, per lungo tempo non ha trovato una spiegazione. Sembrano in gran parte distribuiti in modo del tutto casuale sul fondo dell'oceano, ma alcuni formano chiare catene lineari, come per esempio alle Hawaii. La loro presenza in regioni lontane dai margini delle zolle è stata spiegata solo recentemente. Entro il mantello terrestre si innalzano sottili colonne verticali di magma particolarmente caldo, proveniente dal nucleo, che rimangono in posizione fissa mentre le zolle si spostano al di sopra. Questi pennacchi generano 'punti caldi' nella litosfera che li sormonta e, in corrispondenza di questi punti caldi, si verifica l'attività vulcanica. Il sito di tale tipo di vulcanismo si sposta allo spostarsi della zolla.

Non tutti i punti caldi vulcanici del mantello si trovano negli oceani. Un esempio di punto caldo continentale è il Parco nazionale di Yellowstone caratterizzato da sorgenti termali e getti di vapore detti geyser.


-I rischi legati al vulcanesimo

Molti milioni di persone nel mondo vivono sotto la minaccia permanente di eruzioni vulcaniche, in particolar modo di tipo esplosivo. Eppure sono moltissimi, nel mondo, gli insediamenti situati in prossimità dei vulcani, nonostante un reale grave pericolo, perchè i suoli prodotti dalla degradazione del materiale vulcanico sono assai fertili. Il vulcano Pinatubo, situato a nord di Manila, la capitale delle Filippine, ha avuto un imponente risveglio di attività nel 1991, scagliando nell'atmosfera milioni di tonnellate di ceneri. Queste, a causa delle intensissime piogge tropicali, hanno prodotto immense colate di fango che hanno ucciso 550 persone e ne hanno lasciate 650.000 senza tetto. Il caso del Pinatubo mostra quale pericolo ci sia nel considerare inattivo o estinto un vulcano: esso non aveva dato segni di attività per più di 600 anni.



PRINCIPALI ERUZIONI VULCANICHE

Data

Vulcano

Ubicazione

Conseguenze

II mill. A.C.

Santorino

Grecia

esplosione dell'isola: ssa della civiltà locale

79 d.C.

Vesuvio

Italia

Pompei, Ercolano e Stabia furono sepolte da una spessa coltre di ceneri, lapilli e lava


Merapi

Giava (Indonesia)

fu sepolta sotto le ceneri Barabudur


Kelut

Giava (Indonesia)

circa 10 000 morti


Vesuvio

Italia

circa 18 000 morti; la lava raggiunse il mare


Etna

Italia

le colate laviche seppellirono in parte Catania


Hekla

Islanda

numerose vittime


Papandajan

Giava (Indonesia)

3.000 morti; 40 villaggi sepolti


Asama

Honshu (Giappone)

migliaia di morti


Laki

Islanda

fu una delle eruzioni più catastrofiche della storia


Mayon

Luzon (Filippine)

1.200 morti




Tambora

Sumbawa (Indonesia)

92 000morti


Galunggung

Giava (Indonesia)

4.000 morti; nubi ardenti in un raggio di 24 km

1883-l884

Krakatoa

Indonesia

36 000 morti; l'isola fu in parte distrutta; l'eruzione provocò un'onda di marea di 20 m di altezza


Awu

Isole Sangi (Indonesia)

1.500 morti


Pelée

Martinica

34 000 morti; distrutti villaggi e la città di Saint-Pierre


Vesuvio

Italia

furono eruttati milioni di metri cubi di lava


Katmai Volcano

Alaska

furono ricoperti di ceneri e lave 140 km2; si formò un vasto campo di fumarole


Sakura-jima

Kyushu (Giappone)

la città di Kagoshima fu danneggiata e una corrente di lava unì l'isola di Sakura all'isola di Kyushu


Kelut

Giava (Indonesia)

5.000 morti


Etna

Italia

fu distrutto il paese di Mascali


Merapi o Marapi

Sumatra (Indonesia)

1.369 morti


Paricutín

Messico

si formò un nuovo vulcano


Vesuvio

Italia

furono emessi 21 milioni di m3 di lava


Sakura-jima

Kyushu (Giappone)

furono distrutti due villaggi


Lamington

Nuova Guinea

3.000 morti


Agung

Bali (Indonesia)

2.000 morti; lave, nubi ardenti, calate di fango


Taal

Isola Volcano (Filippine)

500 morti


Kelut

Giava (Indonesia)

300 morti


Mayon

Luzon (Filippine)

una nube ardente causò la morte di 1200 persone




Helgafell

Isola Heimaey (Islanda)

le lave investirono parte della città di Vestmannaeyjar e il suo porto


Nevado del Ruiz

Colombia

25 000 morti; il calore dell'eruzione provocò lo scioglimento improvviso di un ghiacciaio al quale fece seguito un'impressionante alluvione


Pinatubo

Filippine

322 morti


 

 Isole in pericolo


Ancora oggi alle porte del duemila e pur con tecnologie avanzatissime vi sono fenomeni naturali che non siamo in grado di controllare.

Questi fenomeni sono: terremoti, maremoti, eruzioni vulcaniche, alluvioni, ecc.,

che minacciano il globo terrestre.

Il problema che vi vogliamo illustrare riguarda le isole e gli atolli presenti nel nostro globo; si tratta di piccoli paradisi terrestri spesso sono di origine vulcanica o sono situati ai confini delle zolle tettoniche e di conseguenza risultano instabili.

Queste isole sono soggette a catastrofi naturali, basti pensare all` aprile del 1987

quando una violentissima serie di ondate, causate dallo scioglimento dei ghiacci antartici per l` effetto serra, investì Malè la capitale delle Maldive senza che nessuno strumento avesse avvertito il pericolo.



Terremoto Serie di vibrazioni che si produce nella crosta terrestre in seguito alla rapida liberazione di energia meccanica gradualmente accumulata nelle rocce.

Maremoto I terremoti spesso quando sono sismi sottomarini, generano onde di marea chiamate onde di maremoto che si abbattono con enorme violenza sulle zone litoranee. In Giappone tali onde sono chiamate tsunami .

Vulcanismo Insieme di processi attraverso cui il materiale roccioso fuso, o magma, risale dall'interno della Terra in superficie, con emissione nell'atmosfera di numerosi gas.

Sarebbe più opportuno dividere le isole in due zone, la zona occidentale che comprende Hawaii, Caraibi, ecc. e la zona orientale che raggruppa le Filippine, gli arcipelaghi della Polinesia, Micronesia, Melanesia, ecc.

Zona occidentale Le isole Hawaii sono costituite da un complesso di vulcani a scudo che si innalza dal fondo dell'oceano; il Mauna Loa, sull'isola di Hawaii, è tra quelli più recenti e si eleva per oltre 10.000 m dal fondo oceanico.Isole formate per la subduzione nell' oceano sono le Aleutine sempre di origine vulcanica sono le Sandwich Australi.

Zona orientale Le isole come il Giappone, le Filippine, le isole Curili, le isole Salomone, la Nuova Caledonia, la Nuova Zelanda, le isole i, il Vanuatu, la parte occidentale delle isole Tonga e le due isole maggiori delle Samoa, sono la parte estrema che fuoriesce dall' acqua di lunghe catene sottomarine, formatesi a causa della subduzione che avviene nell' oceano; sono perciò chiamate isole vulcaniche. Basti pensare che solo in Indonesia vi sono 220 vulcani attivi che in passato hanno provocato ingenti danni all' isola e alla popolazione.

Dati storici

un terremoto colpisce il Giappone.

un altro sisma si abbatte sul Giappone.

in Indonesia, il vulcano Krakatoa, a causa del collassamento della sommità all' interno del condotto vulcanico eruttò provocando in seguito alle tremende esplosioni, violente onde di maremoto che mieterono vittime in tutto il Sud-Est asiatico.

in seguito ad terremoto una violenta onda di maremoto si abbattè sulla città giapponese di Sanriku.

8 maggio 1902 l' eruzione del Pelée, in Martinica distrugge la città di Saint-Pierre.

il Tambora, nell' isola di Sumbawa eruttò scoperchiando la metà superiore del vulcano causando 50.000 vittime.

terremoto colpisce il Giappone.

un maremoto colpisce le Hawaii causando ingenti danni.

l' ennesimo terremoto danneggia il Giappone.

un altro maremoto devasta le Hawaii.

l' eruzione del vulcano Agung, in Indonesia, causa 10.000 morti

il vulcano Kilauea, nelle Hawaii, erutta.

il vulcano Pinatubo, situato nelle Filippine, ha eruttato sparando nell' atmosfera tonnelate e tonnelate di ceneri che, a causa delle piogge hanno generato colate di fango che hanno ucciso 550 persone.

un' onda di maremoto colpisce le isole Okushiri spianandole.


terremoto colpisce la città di Kobe nell' Hanshin provocando 5.000 morti.


Metodi di prevenzione e riconoscimento


Metodi di riconoscimento:

Sismografo e sismometro Sono strumenti che rivelano le onde sismiche scaturite dalla Terra, da terremoti o esplosioni. In breve, un sismometro serve a rilevare le onde telluriche, mentre un sismografo ne effettua anche la registrazione.

Metodi di prevenzione:

Il Giappone terra emersa sullo zoccolo della zolla continentale euroasiatica è frequentemente soggetto a violenti terremoti seguiti da altrettanto violenti e disastrosi maremoti; proprio per questo motivo essendo gli scienziati a conoscenza dell' alto rischio che la popolazione corre ogni giorno hanno progettato nuovi materiali di costruzione per i nuovi grattacieli. Sono materiali più elastici del solito cemento creati per resistere alle scosse telluriche e impedire il crollo dei palazzi, evitando così pericoli per le persone.

Gli esperimenti nelle isole

Purtroppo oggigiorno questi paradisi terrestri sono minacciati oltre che dalle catastrofi naturali anche dall' uomo; no sono solo i turisti che molte volte non rispettano l' ambiente ma ci sono i governi di stati più potenti che fanno esperimenti nucleari negli atolli, credo che tutti sappiamo cosa è successo all' atollo di Bikini o più vicino a noi e precisamente due anni fa il governo francese ha effettuato alcuni esperimenti nucleari nell' atollo di Mururoa per il quale è intervenuto Greenpeace.




Galleria di foto e immagini per: vulcani







Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta