ePerTutti


Appunti, Tesina di, appunto storia dell arte

CENNI SULLí ARTE PREISTORICA



Scrivere la parola
Seleziona una categoria

CENNI SULLí ARTE PREISTORICA



Gli artisti maghi incidevano o dipingevano sulle pareti di roccia, con straordinaria forza espressiva, soprattutto gli animali a cui davano la caccia : grandi bisonti, cervi dalle lunghe corna , cavalli selvaggi fissati nella foga della corsa. Sono pitture generalmente disposte in modo disordinato, alcune diritte altre capovolte o sovrapposte, accanto o sopra le quali sono spesso disegnati giavellotti, lance o trappole. Questo fa ritenere che lí arte avesse una funzine propiziatoria per la caccia, che come sappiamo era lí attività predominante nella vita dellí uomo primitivo. Gli uomini attribuivano un valore magico alle immagini ; lí immagine di un animale ferito o ucciso era la ďtrappolaĒ in cui doveva cadere o addirittura la trappola con lí anomale già catturato. I primi dipinti ritrovati risalgono al tardo paleolitico(50.000-l0.000 anni fa). Essi sono rimasti segreti fino a poco più di un secolo fa e sono stati scoperti per caso. Nel 1868 lí archeologo snolo Don Marcellino de Santuola entrò in una caverna , indicatagli da un cacciatore, per un sopralluogo , ma vi trovò soltanto alcune ossa e qualche utensile di selce. Era la grotta di altamira in provincia di Santander (Sna), un santuario dellí età preistorica dedicato per millenni ai riti della caccia. Ma fu la nipotina di dieci anni che lo accomnò in una successiva visita nel 1875 a scorgere sul soffitto una ura di un animale dipinto. Don Marcellino notò allora un affresco lungo 14 metri, con bisonti neri al galoppo , un cavallo rosso , cinghiali, cerbiatti e una serie di 25 ure di vari colori. Era la << Cappella Sistina dellí antichità >>.



Lí archeologo snolo studiò attentamente e a lungo quelle ure e giunse alla conclusione che dovevano essere state eseguite da artisti della lontana preistoria. La sua tesi però incontrò la diffidenza di quasi tutti gli studiosi, che non volevano ammettere lí autenticità di quei meravigliosi dipinti.

Uní altra importantissima scoperta avvenne nel 1940, presso il paese di Lascaux in Dordogna ( Francia ). Dei ragazzi penetrarono in una buca molto streatta , nella quale si era infilato il loro cane. Con una lampadina tascabile illuminarono la grotta profonda e oscura e viderosulle pareti centinaia di ure rosse, nere, brune e gialle ; cavalli selvaggi, buoi , cevi , bisonti, tori che raggiungevano i cinque metri di lunghezza.

Analoghi ritrovamenti intanto venivano alla luce in altre part dí Europa e dí Africa.

Infine nella zona del Sahara e a Sud del grande deserto sono state rinvenute altre tarcce molto antiche dellí arte paleolitica. Ma in questo continente la scoperta delle fonti è ancora ostacolata da fonti ambientali, come la natura stessa del suolo africano e la presenza di fenomeni atmosferici molto frequenti che rischiano di distruggere ogni antica testimonianza.




Anche in Italia sono state rinvenute delle testimonianze della presenza umana in età preistorica. Un dei primi insediamenti del paleoliticofu quello della Grotta Romanelli, nellí estremità meridionale della costa pugliese. Un' altra roccaforte della civiltà primitiva in Italia è rappresentata dalle caverne dei Balzi Rossi, presso Ventimiglia ; nè va dimenticata la Cala del Genovese a Levanzo, uní isola delle Egadi, con una ura di animale inciso dallí uomo sulla roccia in età paleolitica.

Altro aspetto dellí arte preistorica è lí architettura di cui un esempio importante sono i megaliti (dal greco megalo+lito grande pietra)





































I MEGALITI


Nel passato molte furono le manifestazioni artistiche dellí uomo. Le più maestose di certo sono i Megaliti.


- I MEGALITI sono monumenti risalenti allí Età del della Pietra e agli inizi dellí Età del Bronzo, diffusi soprattutto sul continente europeo e costituiti da massicce colonne di nuda pietra. Se ne possono distinguere tre tipi :


- Il MENHIR , (dal bretone men hir = lunga pietra) è un monumento megalitico preistorico, probabilmente , a destinazione funeraria , costituito da una pietra di altezza variabile tra 1 e 10 metri , di forma irregolare, infissa verticalmente nel suolo. I menhir sono frequenti nelle Isole Britanniche, in Francia , Corsica e Sardegna.


- IL DOLMEN è un monumento megalitico preistorico usato forse come tomba colletttiva, formato da blocchi infissi nel terrreno sui quali poggia orizzontalmente un lastrone di pietra. Eretti da tempi fino allí età del bronzo, sono molto diffusi in Europa.


- IL CROMLECH è un monumento preistorico formato da monoliti verticali conficcati parzialmente in terra e allineati in cerchio in modo da delimitare una certa superficie. Molto diffuso in Francia (Morbihan), Gran Bretagna (Stonehenge), nonchè in alcone zone nord-Africane.Viene ritenuto monumento funebre e luogo di culto.
















STONEHENGE


FASI DI COSTRUZIONE E EPOCHE


ARCHITRAVE












STIPITI (.1)

Complesso Megalitico della Gran Bretagna situato nella piana di SALYSBURY (WILTSHIRE), Stonehenge è un tipico esempio di sistema trilitico, infatti tale monumento è costituito da grandi massi di pietra arenaria (provenienti dalle ď DUNE ď circa 40 Km a nord del luogo) conficcati nel terreno per circa 1/3 della loro altezza, essi formano due stipiti che sorreggono uní architrave (. 1).

La costruzione di questo monumento, secondo gli studiosi, è da datarsi tra il tardo neolitico e lí età del bronzo antico (II millennio).

Si possono individuare varie epoche:

-Il periodo STONEHENGE I (2800 a.C.), durante il quale il sito era circondato da un fossato circolare con un argine interno provvisto di una singola entrata sul lato nord-orientale. Allí interno dellí argine, cí era un anello di 56 fosse, chiamate ď buche di Aubrey Ē (dal nome del loro scopritore del sec. XVII,John Aubrey ) che in un periodo sucessivofurono usate come sepolture.Allí esterno dellí ingresso erano state erette la grandissima Hellestone e una porta di legno.

-Il periodo STONEHENGE II (2100 a.C.), popolazioni appartenentia alla cultura del VASO CAMPANIFORME costruirono una via dí accesso in terra battuta,delimitata da due argini e fossati paralleli , ora chiamata Avenue, che corre dallí entrata fino al fiume Avon, 3 Km più lontano.

Sempre in questo periodo furono scavati due anelli concentrici di fosse , entro i quali furono eretti MENHIR di pietra blu proveniente dai monti Prescelly , nel Galles sud-occidentale.Sia lí Avenue che i doppi anelli erano orientati verso il punto in cui sorgeva il sole al solstizio dí estate.

-Il periodo STONEHENGE III (2000 a.C. ) fu eretto nel centro del sito un anello di 30 pietredi arenaria, di 30.5 m di diametro. Le pietre erano coperte di uní architrave continua , sempre di arenaria, che racchiudeva una struttura di 5 triliti arenaria disposti a ferro di cavallo. Tutte queste pietre di arenaria furono trasportate dalle Dune ,circa 30 Km a Nord , dove furonotagliate e modellatenella forma definitiva con martelli e asce in pietra , e unite insieme. Le rifiniture architettoniche e la precisione con cui il complesso fu sistemato non hanno confronti nelle strutture megalitiche dellí Europa Nord-Occidentale. Alcune pietre blu furono innalzate più tardi al centro in una struttura ovale che conteneva almeno due triliti in miniatura. Furono anche scavati due anelli concentrici (dette fosse X e Y ) allí eseterno del circolo di arenaria.



UNO DEI PIUí AFFASCINANTI MISTERI DELLA STORIA



Stonehenge ha sempre affascinato le persone di tutto il mondo, ma ha in particolar modo affascinato scrittori e pittori che si sono spesso ispirati a questo fenomeno dellí architettura megalitica.

Una prima ipotesi sulla funzione di Stonehenge, che fece particolarmente lavorare la fantasia degli artisti, fu effettuata dallo scrittore e studioso di antichità John Aubrey , secondo il quale questo complesso megalitico era da considersi come un tempio druidico .I druidi erano, secondo le leggende, dei sacerdoti che compivano riti sacrificali con degli animali e , pare, degli esseri umani.

Il romanticismo fece propri la tesi di Aubrey :Stonehenge era un soggetto favorito dagli artisti del periodo, che lo rafuravano sullo sfondo di un cielo tempestoso, mentre i poeti evocavano scene di sacrifici umani: ď i druidi di un tempo remoto / arrossano le tue pietre di un empio sangue ď.

Sebbene il tempio sia anteriore di due millenni allí epoca i cui vissero i druidi, la leggenda del suo rapporto con i sacerdoti Celti è perdurata a lungo.per esempio, nel 1799 si avanzò lí ipotesi che la cosiddetta ďPietra del massacro ď fosse ďservita a uccidere o preparare le vittime ď , mentre deve trattarsi semplicemente di una pietra caduta.

ď I boschi dei Druidi non esistono più : tanto meglio! Stonehenge cíè í ancora ma cosa diavolo è? Ē scrisse Byron. La sua domanda è ancora senza risposta. Recentemente , si è riconosciuto in Stonehenge un sofisticato osservatorio astronomico. Questa , però , doveva essere solo una delle funzioni del monumento. Probabilmente Stonehenge al pari delle cattedrali del medioevo , fu inteso come uno spazio rituale , e al contempo come un simbolo del prestigio della comunità e del suo capo. Potrebbe essere un tempio, una tomba , un luogo di adunanza per cerimonie religiose o feste.











BIBLIOGRAFIA







1. STORIA UNIVERSALE††††††††† RIZZOLI


2. ENCICLOPEDIA ITALIANA ††††††††††††††††††††††††††††††† GROLIER


3. ENCICLOPEDIA UNIVERSALERIZZOLI - LAROUSSE


4. ENCICLOPEDIA GENERALE††††††††††††††††††††††††††††† MONDADORI


5. GRANDE ENCICLOPEDIA††††††††††††††††††††††††††††††††† DE AGOSTINI


6. IL DIZIONARIO††††††††††††††††††† PERUZZO


7.OMNIA 97 (IN CD-ROM) DE AGOSTINI







Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta