ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto storia

I perché delle conquiste del XV secolo

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

I perché delle conquiste del                                                     XV  secolo.

                                                                                                                

TRACCIA RIASSUNTIVA

MOVENTI DELLA CONQUISTA

·      moventi economici



·      moventi religiosi (strettamente legati  a quelli economici)

·      moventi politici (espansionistici)

·      moventi sociali (e spirito di avventura)

CAUSE DELLA FACILITA DI CONQUISTA

·      armamenti (acciaio europeo contro legno)

·      malattie importate dall’Europa

·      contrasti interni tra le civiltà amerinde

·      identificazione degli Snoli in divinità

CARATTERISTICHE SOCIO-ECONOMICHE PSICOLOGICHE DEI CONQUISTATORI

Per ogni argomento trattato vi sono numerosi documenti e fonti importanti a sostegno dell’argomento .Vi sarà quindi ,per ogni punto, una parte generale introduttiva e in seguito l’analisi del documento.

MOVENTI DELLA CONQUISTA

Le prime conquiste dell’America centro-meridionale furono opera degli snoli, i quali, dopo la crisi subita durante il XIV secolo, andarono in cerca di nuovi sbocchi commerciali, nuovi territori da conquistare e da sfruttare , nuove ricchezze da possedere sempre e comunque spinti da una grande fede religiosa e dal rapporto di completa subordinazione tra il vassallo-conquistatore e il re.

MOVENTI ECONOMICI

Come abbiamo detto in precedenza, l’economia della Sna stava uscendo da una profonda crisi durata tutto un secolo; gli snoli videro nella proposta di Colombo una valida possibilità di risorgere economicamente dalla brutta situazione finanziaria in cui si erano infossati. Infatti, gli furono proposte dai diversi conquistatori grandi ricchezze, ma soprattutto una via di commercio sicura verso l’Asia, proposte più che allettanti per la Sna che accettò immediatamente. In un secondo tempo, come è riportato nel documento n°3, i veri conquistatori del nuovo mondo non furono uomini appartenenti alla grande nobiltà o all’alto clero, ma semplici caballeros , hidalgos  e soprattutto contadini in cerca di tesori, terre coltivabili e prodotti da sfruttare. Molto importanti furono anche la ricerca di materie prime

Vedi documenti n° 3 e 6

 

 

 

 

 

MOVENTI RELIGIOSI

Le successive conquiste del nuovo mondo e la relativa acquisizione di tutte le ricchezze presenti nel territorio furono molto sollecitate dalle autorità religiose. Infatti la Chiesa, che necessitava di una consistente quantità di denaro per affrontare la conquista di Gerusalemme, diede una parvenza di missione religiosa ad una spedizione il cui unico e preponderante obbiettivo era quello di fare soldi. Tutto ciò si può notare documento n°1, ma soprattutto nel “REQUERIMENTO”(documento n°2) che è la dichiarazione che i conquistatori dovevano recitare alle popolazioni amerinde prima di conquistarle e che serviva a giustificare la legittimità della loro “invasione” e il modo in cui i conquistatori avevano il dovere di convertirli alla religione cattolica(vedi anche documento n°3).Bisogna comunque aggiungere che vi furono anche uomini che volevano, in buona fede, convertire gli indigeni al messaggio evangelico.

Vedi documenti n° 1 , 2, 3 e 6

 

 

 

 

MOVENTI POLITICI

Una parte dei conquistatori operava al servizio del re, come si può vedere nel documento n°3 e 4, erano vassalli che conquistavano i territori in nome del re cercando in qualche modo di ottenere certi favori e ricompense che solo un re  poteva offrire. Essi , durante le loro conquiste, non pensarono minimamente alla propria pelle, ma esclusivamente alla volontà di espandere il dominio del proprio signore, offrendogli così una grande quantità di potere e territori. 

Documenti n°3 e 4

 



 

 

 

 

MOVENTI SOCIALI

I conquistatori erano per la maggior parte contadini o comunque facenti parte della più bassa categoria sociale. Ed è proprio per questo motivo che essi cercavano nella conquista di nuovi territori la possibilità di migliorare la loro situazione. Infatti, come è riportato nel documento n°3, essi arrivati nel nuovo mondo, acquisivano lo stile di vita e le caratteristiche delle caste sociali maggiori, nel tentativo di arricchirsi e cominciare un nuovo modello di vita. Un altro fattore che ha influito notevolmente nell’esplorazione del nuovo mondo è lo spirito d’avventura, che ha inondato gli animi di numerosi europei. Infatti la volontà di scoprire nuovi territori, ma soprattutto la volenterosa curiosità e la ricerca di gloria hanno fomentato tutta una serie di esplorazioni e conquiste nel nuovo mondo

documenti n° 3 e 4

CAUSE DELLA FACILITA DI CONQUISTA

Si possono classificare tutta una serie di cause che hanno portato ad una rapida e violenta conquista da parte degli Snoli sulle civiltà amerinde, dai mezzi di trasporto, gli armamenti, le malattie importate fino ad arrivare all’identificazione degli Snoli in divinità ARMAMENTI

La superiorità dell’armamento dei bianchi sull’armamento degli indiani d’America si può riassumere in 3 punti chiave:

n   L’utilizzo di armi da fuoco che permettono di combattere a distanza.

n   I mezzi di trasporto

n   l’uso dell’acciaio

Molta importanza rivestivano i cavalli, tanto che gli Amerindi “ cercavano e facevano di tutto per uccidere un cavallo piuttosto che 4 cristiani”(come è riportato nel documento n°7). Un notevole ruolo rivestivano anche i cani, in grado di combattere isolatamente e senza particolari ordini del padrone. L’unica cosa di cui necessitavano era l’insegnamento all’odio verso gli Indigeni. Il loro aiuto fu quasi nullo nella conquista del Messico e del Perù, ma fondamentale in America centrale e Colombia, dove combattevano contro popolazioni non strutturate in forme statali sufficientemente rigide.

documenti n° 7

MALATTIE IMPORTATE DALL’EUROPA

L’arrivo degli Europei provocò estese epidemie(vaiolo, morbillo, influenza), i cui effetti decimarono le popolazioni diffondendosi anche nei luoghi in cui gli Snoli non erano ancora arrivati, favorendo così la nuova conquista. Il vaiolo, per esempio, (al quale gli Europei erano immuni) sterminò in un tempo assai ridotto 1/3 della popolazione atzeca, arrivando fino alle Grandi Antille.

Documenti n° 5

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I CONTRASTI INTERNI TRA LE CIVILTA AMERINDE

Durante la conquista snola erano presenti all’interno delle popolazioni amerinde contrasti provocati soprattutto ed esclusivamente dalla forte supremazia e crudeltà della civiltà atzeca che, come è definito nel documento n°5, si imponeva su tutto il Messico manifestando grande cattiveria e potere, tanto che, in alcuni casi, l’arrivo degli Snoli era considerato una liberazione da parte delle piccole popolazioni sottomesse.

Documenti n° 5

 

 

 

 

IDENTIFICAZIONE DEGLI SPAGNOLI IN DIVINITA

Quando gli Indios videro per la prima volta gli Snoli li credettero degli dei. Questo anche a causa della loro fede nel mito, che influenzò la loro visione tanto da credere gli europei come la manifestazione di un antico Dio che avrebbe dovuto riire al fine di istruire gli uomini. Questo Dio era rappresentato con la pelle bianca e ciò contribuì a ingannare ancora di più le popolazioni amerinde.

Tutti i racconti indigeni sulla conquista cominciano con la descrizione dei presagi che la precedettero e stupiscono per la somiglianza pur essendo popolazioni distanti tra loro  e tutte queste coincidenze fanno sospettare che i suddetti presagi siano stati formulati posteriormente alla conquista. Tutto ciò è in perfetto accordo con le culture di questi popoli che così facendo inglobano un avvenimento del tutto umano in un quadro naturale e soprannaturale nel quale risulta “normale”. Il presente diventa così più accettabile   nel momento in cui lo si può leggere nel passato.




Documenti n°5

CARATTERISTICHE DEI CONQUISTATORI

I conquistatori del nuovo mondo, come abbiamo già ripetuto più volte,

erano principalmente contadini hildagos e caballeros, tutte persone facenti parte di una casta sociale minore alla ricerca di fortuna nel nuovo mondo. La maggior parte  di questi uomini provenivano dalle regioni centro meridionali della Sna, zone quindi , dove l’agricoltura non offriva una grande possibilità di ricchezza. Questi uomini arrivando in America speravano di fare “fortuna facile” senza dover lavorare, o comunque di trovare quelle grandi ricchezze tanto proclamate in Europa. Così, però non fu, perché essi dopo il grande entusiasmo iniziale, si ritrovarono a dover introdurre del lavoro organizzato per raggiungere le tanto sperata ricchezza, quindi si impadronirono di terre e sfruttarono gli abitanti della zona facendoli schiavi.

L’età media di questi uomini era sui 20, 30 anni: giovani uomini, quindi, “vigorosi e inquieti, sempre disposti all’azione..”.

I conquistatori vennero descritti dalle popolazioni amerinde come degli uomini di aspetto e comportamento molto diverso dal loro ,ma molto simile al “creatore di tutte le cose” . la cosa che li stupì di più fu la vista dei cavalli e i libri che i bianchi leggevano,  le differenze di colore di pelle e capelli tra di loro ma soprattutto le armi

documento n°3 e 8

Bibliografia

 

Documenti e Testi

Documento n°1 ( L’oro per la conquista di Gerusalemme) tratto da  “ La conquista dell’America” di T. Todorov

Documento n°2 ( Il Requierimento) tratto da “ La croce e la spada motivazioni della conquista)

Documento n°3 ( Moventi e ideali dei conquistatori) tratto da “Historia de Chile”

Documento n°4 ( Al servizio del re e della cristianità) tratto da “ Historia verdadera de la conquista de la Nueva España” di Bernal Dìaz

Documento n°5a (Il vaiolo e la conquista) tratto da “ imperialismo ecologico”

Documento n°5b (L’oppressione degli Atzechi) di Todorov

Documento n°5c ( I racconti indigeni della conquista)

Documento n°6 ( perché l’espansione atlantica) tratto da “ il sistema mondiale dell’economia moderna” di Wallerstein

Documento n°7 ( La supremazia militare) di R. Romano

Documento n°8 (descrizione dei conquistatori) tratto da “ Titu Cusi Yupanqui”

Foto e Stampe

enciclopedia “Il cinquecento” a cura di Umberto Eco

didascalia foto e stampe

stampa n°1 ina 1: riproduzione caravelle in viaggio verso le Americhe.

stampa n°2 ina2: rotta per il giro del mondo. Partenza Portogallo circumnavigazione dell’America  meridionale passaggio per l’Asia e circumnavigazione Africa.

stampa n°3 ina3: territori coltivati messicani.

stampa n°4 ina 4: incontro tra Colombo e indigeni. Notare la differenza di abbigliamento e le reazioni di entrambi i popoli.

stampa n°5 ina 5: la rotondità del mondo e la sua centralità.

stampa n°6 ina 6: riproduzione del paesaggio incontrato nelle esplorazioni delle Americhe .

stampa n°7 ina 8: riproduzione di una mappa dell’epoca

stampa n° 8 ina 9: riproduzione delle caravelle in navigazione






Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta