ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto storia

Rivoluzione Americana, Rivoluzione Francese

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

Rivoluzione Americana

Le colonie

A partire dal 600 si erano formate per ondate successive di immigrazione, erano di vario genere ed estrazione sociale. Venivano soprattutto dall’Inghilterra, Scozia, Irlanda e poi anche Germania, Olanda e Paesi scandinavi.

Classi sociali

Padri pellegrini→ appartenenti a correnti riformatrici alla religione anglicana inglese. Erano in disaccordo con la chiesa e quindi formarono una nuova comunità in America.

Contadini poveri→ andarono in America per avere una proprietà terriera

Commercianti, nobili decaduti→ volevano impiantare i loro commerci

Discorso economico

Le colonie avevano molte libertà alla madre patria. Sfruttamento dei coloni. L’Inghilterra non interveniva nella produzione. Il re nominava un governatore per ogni colonia e ogni colonia aveva la sua assemblea coloniale eletta sul posto, diritto di voto. L’Inghilterra aveva creato delle imposizioni solo sul commercio.

Nord: banche, aristocrazia del denaro

Centro: economie miste, piccole medi proprietari terrieri e commercianti

Sud: latifondo, aristocrazia

Si era particolarmente sviluppata l’industria navale. Divieti commerciali: i contadini non potevano produrre in proprio beni considerati strategici e anche prodotti siderurgici. Alcuni prodotti (tabacco) potevano produrli ma commerciarli solo con l’Inghilterra. Inizialmente la situazione è positiva perché l’economia americana stava nascendo.



1673 inizio proteste, l’Inghilterra approvò una tassa sulle sectiune bollate, atti giuridici materiali e contratti: stamp act. Gli portò malcontento, poteste contro la madre patria.

Gli americani non avevano nessun diritto di eleggere rappresentanti del parlamento inglese, insubordinazione sociale e movimenti di protesta: il re allora ritirò questa tassa.

1773 obbligo da parte degli americani di commerciare il tea sotto la comnia delle indie, i coloni in risposta: Boston tea party: buttarono le casse di tea in mare, l’Inghilterra mandò l’esercito a Boston.

1774 primo congresso di Philadelphia: formare un esercito per combattere l’Inghilterra capeggiato la Washington

1776 secondo congresso: dichiarazione d’indipendenza degli Stati Uniti

1775 inizio guerra

1783 conclusione con la pace di Parigi con l’indipendenza delle colonie, 13 stati federali.

Rivoluzione Francese

Alla fine del ‘700 si aggravano i problemi

* reggeva Luigi XVI, molto meno abile di Luigi XIV e non era in grado di prendere decisioni da solo ma con l’appoggio di nobili e clero. Aveva dovuto fare molto concessioni a nobili e clero che avevano acquistato molto potere. Lasciano al re il potere assoluto.

* grave crisi economica perché c’erano stati anni sfavorevoli per la coltivazione dei campi. Il debito dello Stato era aumentato quindi c’era il rischio che andasse in bancarotta.

* presso gli intellettuali e le classi medie si erano consolidate le idee dell’illuminismo quindi le disparità tra clero, nobili e terzo stato erano viste da tutti come ingiuste.

Modificazione della gestione economica dello Stato perché nessuno voleva che lo stato fallisse, occorrevano riforme urgenti. Si alternano vari ministri dell’economia per consigliare il re su come invertire la rotta economica.

Due soluzioni:

1. diminuire i privilegi del clero e nobiltà

2. introdurre una tassa fondiaria che era una tassa sulle terre e tutti dovevano arla

di fronte a queste proposte il re licenziava i vari ministri dell’economia perché sfavorevoli a nobiltà e clero. Il re viene costretto ad approvare la tassa fondiaria.

Il parlamento di Parigi pone il suo veto e chiede la convocazione degli stati generali.

Parlamento di Parigi= organo costituito solo dai nobili che amministrava la giustizia per i casi più difficili e un potere consuntivo per le leggi che faceva il re. Il Parlamento di Parigi ha esposto il suo parere su questa tassa e chiede la convocazione degli stati generali.

Stati Generali= organo formato rappresentanti dei nobili, clero e terzo stato. Poteva esprimere solo un parere su fatti di estrema gravità. Il re ascoltava il loro parere perché procedere su una via opposta rispetto a quanto espresso dagli stati generali significava per un re, porsi da solo contro tutta la nazione.

1 maggio 1789: convocazione, il consiglio si formava quando venivano convocati

tra la fine del 1788 e il 1789: importante per il terzo stato, si organizzarono per fare la proanda elettorale per sensibilizzare il popolo anche perché hanno scritto i quaderni di lamentele che poi venivano spediti al re. Il terzo stato ha ottenuto di avere il doppio dei rappresentanti all’interno degli stati generali rispetto ai nobili e clero.

1789 si riuniscono a Versailles.

Problema: quale metodo di votazione adottare, hanno litigato. I rappresentanti del terzo stato se ne vanno e si autoploclamano: assemblea nazionale e costituente, si prendevano con la forza il potere legislativo. Una parte del clero è passato con il terzo stato e anche una piccola parte della nobiltà va con loro e formano l’assemblea. Il re fa chiudere dove si dovevano riunire quindi si riuniscono in una palestra dove fanno il giuramento della pallacorda, giurano di non dividersi fino a quando non avrebbero dato una nuova costituzione alla Francia. Il re era ostile perché era un atto illegale perché non avevano il potere legislativo.

Il re è stato costretto ad accettare ma ha fatto ammassare le truppe alle porte di Parigi, voleva entrare in armi in città a costringere l’assemblea a sciogliersi. Il popolo di Parigi coordinato dalla borghesia è insorto e ha preso le armi e ha formato una guardia cittadina e il 14 luglio 1789 ha assaltato la pastiglia dove erano detenuti prigionieri politici (queste persone venivano raggiunte da una lettera che diceva che dovevano consegnarsi nelle mani della polizia senza avere un processo). Nelle camne c’era una ribellione contadina, i contadini si erano armati e hanno assaltato le case dei nobili per bruciare i documenti che attestavano la loro nobiltà.




Conseguenze:

il re ha riconosciuto ufficialmente l’assemblea nazionale che ha emanato due atti fondamentali: l’abolizione della feudalità & la dichiarazione dei diritti dell’uomo del cittadino, atto fondamentale perché recepisce il pensiero illuminista quindi i diritti e i doveri devono essere uguali per tutti

costituzione del 1791

risultato ottenuto dall’assemblea. Stabilisce che la Francia è una monarchia costituzionale, il potere legislativo spetta a un’assemblea eletta dal popolo, quello giudiziario alla magistratura e quello politico al re. Il popolo non eleggeva soltanto l’assemblea costituente ma anche i giudici. Si votava per censo. Al di sotto una certa rendita, i cittadini non potevano votare. Il suffragio universale non c’era perché c’era tanta gente analfabeta quindi si faceva manipolare. Il re reagisce ma non la firma. C’è un’altra insurrezione popolare, così ha firmato e si è trasferito a Parigi, poteva essere controllato dal popolo. Così si cominciarono ad organizzare le elezioni che servono per creare gli organi previsti dalla costituzione. Il governo della Francia lo amministrava l’assemblea costituente che nel frattempo emana atti importanti tra cui la costituzione civile del clero. Il re costretto a giurare fedeltà per la costituzione, vengono requisiti e venduti al pubblico molti beni della chiesa. Il clero non è d’accordo e rifiuta.

Nel frattempo il re tenta la fuga per unirsi alla coalizione che si stava formando contro la Francia. Ma venne scoperto a Varenne e costretto a tornare a Parigi. Giugno 1791 atto che ha formato la ura del re: traditore della patria perché stava tramando con altri re di altri paesi di far abbattere la rivoluzione francese, con quest’atto si segna la sua morte.

Dal 1789 al 1781 si erano formati dei circoli politici che discutevano sulla situazione francese e su come gestire la rivoluzione. Giacobini: più moderati Robespierre, Giacobini: d’Antoine, estrema sinistra, volevano modificare la situazione francese. L’opinione pubblica è gestita da questi circoli e nascono delle testate giornalistiche.

L’assemblea che si forma secondo la costituzione, ha vita molto breve, l’unica decisione importante che prende è quella di far entrare la Francia in guerra, in Europa si era formata una coalizione capeggiata da Austria e prussica e voleva abolire la Rivoluzione e salvare il re. Quindi l’assemblea dichiara guerra alla coalizione antifrancese, entra in guerra con un esercito formato da volontari, a Parigi nasce il movimento dei S.Coulotti, persone del popolo che si erano organizzate e chiedevano la Repubblica, il suffragio universale e dare una punizione esemplare al re. L’assemblea dopo un anno della sua nascita, viene abbattuta dai S.Coulotti con una sommossa popolare, costringono l’assemblea a dimettersi e i S.Coulotti organizzano la comune di Parigi e proclamano la Repubblica imprigionando il re. Si svolgono le nuove elezioni per creare una nuova costituzione repubblicana (assemblea costituente)

La costituzione: 1793 proclama che la Francia è una repubblica e stabilisce il suffragio universale. L’assemblea costituente era formata da: la palude, un gruppo di moderati, Montagnardi e Girondini, propositivi. Presero potere i Montagnardi e i Girondini, la palude viene accantonata dalle decisioni. Lotta tra i due esponenti, prevale la montagna capeggiata da Robespierre, decisero di governare con l’alleanza dei S.Coulotti e condannano a morte il re (LuigiXVI 1793)

A Parigi e in Francia si verificarono numerose rivolte dovute all’inflazione e alle continue sconfitte della guerra. Per poter mantenere il potere, la montagna decide di creare un comitato ristretto di salute pubblica che in via eccezionale per fronteggiare le rivolte e garantire la continuità della Rivoluzione, assume momentaneamente il potere assoluto e sospendono l’applicazione della nuova costituzione, questo comitato ha instaurato il regime del terrore, perché bastava un sospetto e veniva processato e poi ghigliottinato. Hanno preso il potere i Termidoriani, erano dei moderati dell’alta borghesia e pochi nobili rimasti. Con la morte di Robespierre ha fine la Rivoluzione.

Confederazione= associazione fra stati nell’ambito della quale ciascuno stato conserva la propria sovranità

Federazione= unione di stati che dà vita a un vero e proprio stato unitario all’interno del quale ciascuno degli stati membri mantiene la sua autonomia e la possibilità di legiferare su alcune questioni particolari






Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta