ePerTutti
Appunti, Tesina di, appunto italiano

RELAZIONE DEL LIBRO “LA FINE DEI GREEN”

Scrivere la parola
Seleziona una categoria

RELAZIONE DEL LIBRO

LA FINE DEI GREEN”


S.S. Van Dine: pseudonimo di Willard Huntington Wright, nacque a Charlottesville (Virginia), nel 1888. Studiò in California e si specializzò all’università di Harvard. Fu poi mandato a Monaco e a Parigi per studiare arte.

Nel 1907 iniziò la sua attività di critico letterario e d’arte. Nel 1925 cominciò a scrivere romanzi polizieschi ed ebbe, sin dal principio, un successo straordinario.

Il creatore del detective Philo Vance morì a New York nel 1939.



Il romanzo, pubblicato nel 1930, si svolge a New York nella prima metà del ‘900. Di seguito è riportata una panoramica dei principali eventi del periodo:





A partire dalla fine dell’800, iniziano ad operare in America, i gangsters, criminali organizzati che gestiscono ogni genere di affari illegali: dal gioco d’azzardo, alla prostituzione e, più tardi, al traffico di stupefacenti.

Tra le gangs più conosciute vi sono quelle di origine siciliana, composte principalmente da italoamericani, che avranno un grande impatto culturale sugli Stati Uniti.


L'assassinio del presidente McKinley porta alla presidenza degli Stati Uniti Theodore Roosevelt, repubblicano, conservatore, favorevole alla libertà politica ed economica.


Gli Stati Uniti finanziano la costruzione del canale di Panama. Dopo quasi un secolo di isolamento, gli Stati Uniti prendono posizione su questioni europee, pronunciandosi a favore della Francia nella contesa coloniale franco-tedesca per il Nord Africa.


William Howard Taft succede a Roosvelt, continua la lotta contro i “sectiunelli” e favorisce due emendamenti costituzionali di ispirazione progressista (il XVI sull'elezione diretta dei senatori e il XVII per l'imposta sul reddito).


- Sotto la presidenza di Thomas Woodrow Wilson scoppia la prima guerra mondiale. Gli Stati Uniti rimangono, in un primo tempo, neutrali. Svolgono tuttavia una parte importante rifornendo di grano, vestiti, armi e macchine per l'industria bellica i due paesi a cui sono storicamente legati: Gran Bretagna e Francia.


6 aprile 1917 - dopo l’avvio, da parte dei tedeschi, della guerra sottomarina anche contro i mercantili dei paesi neutrali, il presidente Wilson dichiara guerra alla Germania.

Sotto il comando del generale Pershing le truppe americane, danno un contributo decisivo sul fronte franco-tedesco della Mosa e delle Argonne.


- alla Conferenza di pace, che si riunisce a Parigi, Wilson propone un piano per riformare le relazioni internazionali allo scopo di evitare in futuro altre guerre.

Il piano, prevede: libertà di navigazione e di commercio, riduzione degli armamenti, autodeterminazione dei popoli e formazione di un organismo internazionale, la Società delle Nazioni, incaricato di giudicare pacificamente i conflitti interstatali.


1919-l929 gli Stati Uniti vivono un decennio di pace e prosperità, durante il quale primeggiano in diversi campi dell’industria: automobilistica, dell’'aviazione, chimica e siderurgica, della comunicazione attraverso la radio e il cinema.


16 gennaio 1929 - il Governo vara il XVIII emendamento, una legge che vieta la produzione, la vendita e il consumo di alcolici. Sarà proprio questa legge a far sì che i gangsters, attraverso il commercio illegale degli alcolici, incrementino i loro affari e il loro potere a tal punto da poter influenzare, con la corruzione e l’ intimidazione, le istituzioni.


Ottobre 1929 crolla la Borsa di New York, migliaia di aziende falliscono e la disoccupazione arriva al 25% della popolazione attiva (circa 13 milioni di americani). Dopo il “Miracolo degli Anni Venti” ha inizio la “Grande Depressione”.


- votato dai ceti medi, dai contadini, dagli operai e dai disoccupati, ossia i settori maggiormente esposti alla crisi, viene eletto presidente degli Stati Uniti, il candidato democratico, Franklin Delano Roosevelt,.

La sua politica del New Deal,'nuovo corso', si pone come obbiettivi: il ripristino del credito, il rilancio dell’industria e dell’ agricoltura, la drastica riduzione della disoccupazione; il tutto con una “terapia d'urto”, rapida e a tutto campo, denominata i 'Cento giorni',.


5 dicembre 1933 - il XXI emendamento pone fine al proibizionismo.




RIASSUNTO


È una mattina come le altre, quando il procuratore John Markram, , si mette in contatto con l’amico Philo Vance per chiedergli aiuto.

Markram spiega all’amico che durante la notte un ladro si è introdotto in casa Green, ha ucciso Julie, lia della signora e ferito Licia, la lia adottiva del signor Green.

Dopo aver interrogato la famiglia delle vittime e la servitù, Philo si convince che non è stato un ladro ad aggredire le due donne, ma una persona che sapeva come muoversi in casa.

Pochi giorni dopo il primo omicidio, Philo e Markram vengono informati di un secondo delitto avvenuto in casa Green, stavolta la vittima è uno dei due li maschi: Chester.

Licia, che nel frattempo è guarita, prega il fratello Rex di raggiungerla presso la casa di Philo. Pochi minuti dopo il maggiordomo di casa Green telefona a Markram per informarlo che anche Rex e la madre sono stati uccisi.

Mentre Philo e Markram interrogano la servitù, Licia subisce un nuovo attentato in seguito al quale Sybile, spaventata, decide di trasferirsi per un po’ a casa di alcuni amici ad Atlanta.

Dopo circa una settimana, durante la quale Philo ha continuato a riflettere sugli omicidi di casa Green, viene informato che Sybile è tornata da Atlanta e che è appena uscita per un giro in auto insieme a Licia.



Philo che ormai ha capito tutto si precipita all’inseguimento dell’auto su cui sono partite le due donne.

Quando la raggiunge trova Sybile tramortita su un sedile e Licia al volante con una pistola in mano.

Licia viene catturata, ma riesce a togliersi la vita prima di raggiungere la prigione. Sybile invece viene portata all’ospedale. Philo intanto spiega ai suoi amici in che modo Licia ha potuto attuare il suo piano. La ragazza ha sterminato la famiglia per cercare di conquistare, grazie all’eredità, il dottor Von Blon, non sapendo che il giovane medico aveva sposato, in segreto, Sybile.




PERSONAGGI PRINCIPALI


Philo Vance: investigatore dilettante.

È un brillante e ricchissimo trentaquattrenne: alto, snello, dai lineamenti regolari, insomma, un bell’uomo se non fosse per l’espressione fredda e ironica del suo volto che nasconde però la sua timidezza e una grande sensibilità.


John Y. Markham: procuratore distrettuale.

È un vecchio comno di studi di Vance: rigido, brusco, spesso autoritario, ma onesto e con una profonda e severa concezione della vita.


Ernest Heath: sergente di polizia.

È un uomo sui cinquant’anni, energico e bonario ma con scarsa capacità intuitiva.


Chester Green: lio del defunto Tobias Green.

È uno psicologo, di media statura, piuttosto grasso e dalle guance flaccide; veste con esagerata ricercatezza.


Rex Green: lio del defunto Tobias Green.

È un ragazzo mingherlino, scialbo, con le spalle rientranti e una testa piuttosto grossa e mal equilibrata sul collo troppo sottile, indossa enormi occhiali dietro i quali nasconde i piccoli occhi irrequieti, non è simpatico ma è estremamente intelligente.


Julie Green: lia del defunto Tobias Green.

Di lei non si sa molto se non che, ha circa trentacinque anni ed è la prima vittima dell’assassino.


Sybile Green: lia del defunto Tobias Green.

È la più bella della famiglia, alta, sottile, ha gli occhi un po’ distanti l’uno dall’altro, sopracciglia dritte, naso sensuale, bocca larga e dura, le gambe lunghe e tornite; si veste, si trucca e si profuma con eleganza e maestria.


Licia Green: lia adottiva del defunto Tobias Green.

In realtà è la lia che Tobias ha avuto dalla cuoca dei Green, ama, senza essere ricambiata, il dottor Von Blon.



Arthur Von Blon: medico di famiglia dei Green.

È un bell’uomo di circa trent’anni ed è segretamente sposato con Sybile.


Signora Green: vedova di Tobias.

Ha le gambe paralizzate a causa di un incidente, è una vecchia bisbetica, irascibile, tiranna e maleducata che tratta chiunque con disprezzo, compresi i li.




Nei panni dell’amico, convivente, di Philo Vance, l’autore redige una cronaca dettagliata degli avvenimenti che hanno portato il giovane investigatore dilettante alla soluzione del difficile “caso Green”.

Nonostante sia impostato come un diario, il libro è ricco di dialoghi.

Il linguaggio semplice e i periodi brevi rendono la lettura leggera e piacevole.

Il romanzo resta scorrevole anche quando l’autore descrive le elaborate congetture di Philo.




COMMENTO


Di questo libro mi ha colpito particolarmente il protagonista, Philo Vance, che, come il famoso Sherlock Holmes, grazie ad intelligenza, acume e logica, riesce a risolvere il difficile “caso Green” che la polizia aveva catalogato come “caso irrisolvibile”.

Mi sono piaciute, la ricostruzione precisa dei fatti e la scelta di riportare gli eventi in ordine cronologico che rendono la lettura chiara e scorrevole.

Mi è piaciuto inoltre il finale, a sorpresa come in ogni giallo che si rispetti, in cui si scopre che la delicata, dolce e timorosa lia adottiva di Tobias è in realtà una donna spietata, fredda e calcolatrice, la quale, non esita a sterminare la sua famiglia e a colpire se stessa, pur di raggiungere i propri scopi.






Privacy

© ePerTutti.com : tutti i diritti riservati
:::::
Condizioni Generali - Invia - Contatta